Quali strategie sui mercati obbligazionari

Durante l’intera settimana, Morningstar fornirà le chiavi di lettura dell’attuale situazione e i suggerimenti per navigare nel mare agitato dei bond.

Sara Silano 20/07/2015 | 09:42
Facebook Twitter LinkedIn

Gli investitori in titoli di Stato vivono in un mondo di rendimenti veramente molto bassi e, in alcuni casi, negativi, in cui la decisione su quale strategia adottare è resa difficile dall’incertezza sulla situazione greca e sul futuro rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve americana.

Tre sono le principali strade che si possono percorrere: assumere un maggiore rischio di mercato, scegliere una gestione attiva aggressiva o mettersi in difesa rifugiandosi nei cosiddetti porti sicuri.

Nel primo caso, l’investitore ha la possibilità di spostarsi nella parte più lontana della curva dei rendimenti, ridurre la qualità del credito delle emissioni obbligazionarie oppure scegliere i bond esteri, magari emergenti, coperti o non coperti dal rischio di cambio. Nel secondo, si adotta un approccio più flessibile, ponendosi generalmente un obiettivo di rendimento e di controllo del rischio e muovendosi all’interno di tali parametri. La performance, dunque, dipende molto dalla capacità di prendersi rischi che sono adeguatamente compensati ed evitare quelli che non lo sono. Infine, il terzo caso è volto alla pura conservazione del capitale. E’ tipico degli investitori che temono che si verifichi lo scenario peggiore in Europa, con la disgregazione dell’unione monetaria, e quindi si rifugiano nel Bund tedesco, essendo disposti ad accettare rendimenti bassi o negativi in cambio di sicurezza.

Gli ultimi dati sui flussi nei fondi obbligazionari europei rivelano un crescente interesse degli investitori per i prodotti che possono dare fonti alternative di rendimento, attraverso gestioni flessibili. Per contro, l’acuirsi della crisi greca ha favorito i riscatti dai comparti denominati in euro, specializzati sui governativi e i corporate.  

Per aiutare gli investitori ad orientarsi nell’incerto contesto attuale, Morningstar dedica l’intera settimana al reddito fisso, con analisi e approfondimenti sui mercati, le strategie dei gestori e gli strumenti per esporsi ai bond.

Lunedì 20 luglio
Europa stretta tra Grecia e Bce
Etf a confronto: i governativi euro 3-5 anni

Martedì 21 luglio
Tre medaglie d’oro obbligazionarie
VIDEO ANALISI: Loomis Sayles Multisector Income Fund

Mercoledì 22 luglio
Morningstar, fari sugli high yield
I corporate che fanno gola al portafoglio
Il bond che scotta

Giovedì 23 luglio
La Fed lascia tutti con il fiato sospeso
Il BTp batte il Bund in portafoglio
Sulle orme dei pesi massimi

Venerdì 24 luglio
VIDEO: Fondi, meno vincoli coi tassi in salita
Emergenti, meglio non eccedere nella prudenza
La Grexit resta nell'aria

Leggi gli articoli della precedente Settimana speciale, dedicata agli Strategic beta.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia