Avvisiamo gli utenti che abbiamo riscontrato un problema tecnico. Ci scusiamo per il contrattempo.

La crisi greca frena gli investitori

A maggio sono rallentati i flussi nei fondi europei. In rosso gli azionari. Tengono gli alternativi e i bilanciati. Nel reddito fisso si cercano nuove fonti di reddito.

Sara Silano 01/07/2015 | 15:27
Facebook Twitter LinkedIn

Rallentano bruscamente i flussi nei fondi a lungo termine europei. A maggio, secondo il Morningstar asset flow report, sono stati di 28,51 miliardi di euro, il valore più basso dall’inizio dell’anno. Ad aprile erano stati di 41,87 miliardi, ma il picco è stato a febbraio (52,21 miliardi).

L’acuirsi della crisi greca ha aumentato l’avversione al rischio degli investitori. In particolare, i fondi azionari hanno registrato una raccolta negativa per 983 milioni. Sono stati colpiti sia i prodotti attivi sia quelli indicizzati, esclusi gli Etf (Exchange traded fund) che hanno, invece, avuto un flusso positivo per 540 milioni.

La raccolta netta stimata dei fondi obbligazionari è stata di 5,54 miliardi a maggio (17,47 ad aprile). Hanno fatto meglio i bilanciati (15,87 miliardi) e gli alternativi (comparti che utilizzano strategie simili a quelle degli hedge fund, +7,09). Per i primi, il risultato è riconducibile soprattutto all’Italia, alla Spagna e alla Germania.

Per quanto riguarda gli strumenti a breve termine (fondi monetari), i deflussi sono stati di 13,55 miliardi a maggio, primo mese negativo del 2015.

Flussi netti stimati per macro-categorie

La carica degli alternativi
A livello di categorie, la più popolare è stata quella degli Alternativi multistrategy (+3,02 miliardi), che dall’inizio dell’anno ha registrato una crescita organica (flussi in percentuale del patrimonio iniziale) superiore al 19%. Il risultato è da attribuire principalmente ai fondi Global absolute return strategies di Standard Life.

Seguono diverse categorie bilanciate in euro: i fondi prudenti globali hanno raccolto circa 3 miliardi, i moderati globali 2,78 e quelli classificati come “altro” (nel quale sono compresi i prodotti a cedola e a scadenza italiani) 2,6 miliardi.

Flussi netti stimati per categorie - maggio 2015

Reddito fisso a due facce
I fondi obbligazionari in euro sono stati penalizzati dall’aumento della volatilità causato dalla crisi greca. In particolare, i “diversificati” hanno subito riscatti netti per 2,64 miliardi, i corporate per 1,64 e i governativi per 1,58 miliardi.

Gli investitori, tuttavia, hanno mostrato di volere ricercare fonti alternative nel reddito fisso, come testimonia l’interesse per i comparti che fanno arbitraggi sul debito di Black Rock (società che ha avuto il livello di flussi più elevato a maggio) e quelli sulle obbligazioni emergenti (in questo caso la casa di gestione che più ne ha beneficiato è Ubs). I fondi bilanciati a cedola e a scadenza sono stati, invece, i protagonisti della raccolta di Pioneer Investments ed Eurizon Capital.

Chi va giù
Tra le case di investimento più colpite dai deflussi a maggio figurano Franklin Templeton, M&G e Aberdeen. A penalizzare la prima sono i fondi obbligazionari globali gestiti da Michael Hasenstab, che hanno una forte esposizione ai mercati emergenti. M&G ha subito i riscatti dal comparto Optimal income, ma anche dal Global dividend e dall’European corporate bond. Infine, Aberdeen ha dovuto fare i conti con le fuoriuscite dai fondi azionari emergenti e dal World equity dividend

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy