Emergenti alla prova del rally

La corsa dei paesi in via di sviluppo, dicono gli operatori, dovrebbe continuare. Ma, aggiungono, nel breve periodo ci sarà qualche ostacolo. Nel frattempo è meglio controllare chi lavora con gli Usa. 

Marco Caprotti 04/09/2014 | 10:05

Il rimbalzo dei mercati emergenti è destinato a durare. Merito, dicono gli operatori, dei cambiamenti in corso sia in quelle aree che nelle regioni più sviluppate. L’indice Msci dedicato agli emerging nell’ultimo mese (fino al 2 settembre e calcolato in euro) ha guadagnato quasi il 5%, portando a +15,9% la performance da inizio anno.

“La ripresa degli emerging è il risultato di una serie di fattori fra cui le migliori condizioni finanziarie globali e il minor rendimento dei bond mondiali”, spiega uno studio firmato Dirk Hofschire, Jonathan Kelly e Sammy Simnegar, gestori di Fidelity. I risultati delle elezioni che si sono tenute in diversi paesi in via di sviluppo sono stati visti con favore e si assiste a un miglioramento delle previsioni economiche su queste zone”.  L’andamento dell’azionario emerging ha iniziato a migliorare nel corso del secondo semestre dell’anno, spinto (almeno in parte) dalla politica monetaria più accomodante della Cina. Le basse valutazioni dei titoli, in un momento in cui gli investitori andavano a caccia di occasioni d’acquisto, e i dati congiunturali migliori delle attese hanno fatto il resto.

Rally, pro e contro
Il punto, adesso, è capire quali elementi giocano a favore di un proseguimento del rally e cosa, invece, potrebbe remare contro. “Alcuni paesi emergenti più grandi hanno tassi di inflazione maggiori rispetto ai target delle rispettive Banche centrali”, continua lo studio. “I profitti aziendali restano deboli e le condizioni del credito sono ancora sfavorevoli rispetto a un anno fa. Si tratta di elementi che, nel breve periodo, potrebbero portare a un sentiment negativo sugli emerging. Nel lungo periodo, tuttavia, i mercati emergenti saranno quelli con il tasso di crescita più alto e rappresentano una buona opportunità all’interno di un portafoglio globale diversificato”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies