Fra Mosca e Kiev ci guadagna Atene

La crisi con l'Ucraina sta facendo spostare investimenti dalla Russia. Gli operatori riscoprono la Grecia, ma guardano anche alla sicurezza della Polonia e al risveglio della Turchia. 

Marco Caprotti 24/07/2014 | 12:32
Facebook Twitter LinkedIn

Fra i due litiganti, dicono gli analisti, godono almeno in tre. E, fra questi, anche la Grecia. Mentre i governi occidentali osservano con i sudori freddi gli sviluppi della crisi politico-militare fra Ucraina e Russia, i mercati finanziari non si perdono d’animo e ragionano sulle opportunità che si stanno aprendo nella regione emergente del Vecchio continente. E, scorrendo i report, salta fuori la penisola ellenica, insieme a Polonia e Turchia.

Le debolezze della Russia
Il punto di partenza delle analisi è Mosca. L’economia della Russia nel secondo trimestre è cresciuta dell’1,2% (annualizzato) rispetto al +0,9% fatto segnare nei primi tre mesi dell’anno. Il ministero dell’economia del paese, intanto, manda segnali rassicuranti sul resto dell’anno, prevedendo una ripresa degli investimenti. Un ottimismo che non è condiviso dal Fondo monetario internazionale. Secondo gli analisti dell’istituzione, anche se non ci fosse un’escalation della crisi sul fronte ucraino, l’incertezza e la perdita di fiducia potrebbero trasformarsi in minori consumi interni, deflussi di capitali e deboli investimenti. “La crisi non poteva arrivare in un momento peggiore per l’economia russa che stava avendo problemi anche prima che scoppiassero le liti con Kiev”, spiega uno studio di Thomas White International (Twi). “In una nazione dove il vecchio modello economico basato sull’esportazione di energia si sta indebolendo è necessario diversificare. Ma per questo ci vogliono investimenti e una maggiore integrazione con gli altri paesi del mondo. Situazioni come quella in Ucraina non fanno altro che isolare Mosca”.

Il ritorno della Grecia
E’ giusto chiedersi, quindi, che strada prenderanno i soldi che non andranno più in Russia. Una delle mete più gettonate dagli operatori in questo momento è la Grecia. L’agenzia di Rating Fitch ha modificato di un grado il giudizio sull’indebitamento della Grecia portandolo da B- a B. La decisione, secondo la società di analisi, riflette gli sforzi del paese per raddrizzare i suoi conti e la prospettiva di un rafforzamento della crescita dell’economia ellenica che, secondo le stime, dovrebbe segnare un +0,5% nel 2014. Il giudizio a lungo termine è associato a una prospettiva stabile, vale a dire che Fitch non prevede di modificarlo nei prossimi trimestri. “Dopo sei anni di recessione la Grecia sta vedendo la luce in fondo al tunnel”, spiega uno studio firmato da John Derrick, direttore della ricerca di US Global Investors (Usgi). “Il sistema bancario si è consolidato e ora ci sono quattro grossi player che sono adeguatamente capitalizzati. E con un sistema bancario funzionante, anche la crescita può viaggiare. In una situazione del genere la penisola ellenica sta diventano una meta ideale per gli investitori per utilizzare una parte di soldi che non vanno più in Russia”.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies