VIDEO: La rivoluzione (industriale) cinese

Grazie a una maggiore stabilità politica, sostiene Philip Ehrmann di Jupiter Asset Management, il futuro economico della Repubblica popolare promette ottimi scenari in diversi settori.

Holly Cook 23/04/2013 | 10:15
Facebook Twitter LinkedIn

 

Holly Cook: Secondo il calendario lunare cinese, è l'anno del Serpente d'acqua, associato a intelligenza e tenacia, ma anche con la possibilità di turbolenza. Per aiutarci a decifrare questa interessante opportunità  d’investimento, è qui con noi Philip Ehrmann, co-responsabile dell’azionario asiatico di Jupiter AM e gestore di diversi fondi azionari cinesi.

Philip Ehrmann: Buongiorno, molto bello essere qui.

Cook: La Cina è, ovviamente, uno dei protagonisti assoluti della crescita economica a livello mondiale. Eppure è solo da pochi anni che la gente ha davvero iniziato a considerarla come una zona di investimento. Che cosa è cambiato nella storia recente?

Ehrmann: Beh, effettivamente negli ultimi 10-12 anni, l'economia cinese ha cominciato a farsi notare e il mercato azionario è diventato molto più investibile. In passato, l'unico modo per poter esporsi alla Cina era comprare società quotate a Hong Kong, cercando così di catturare una parte della crescita che veniva dal settore delle esportazioni, che inizialmente era il driver primario del boom economico cinese.

Cook: Quindi, in quali termini questa zona è così attraente? Ci sono caratteristiche particolari che dovrebbero spingere la gente a essere esposta alla crescita cinese?

Ehrmann: Beh, siamo a un punto di svolta molto interessante. Abbiamo l'economia cinese che sta vivendo il passaggio alla successiva fase di sviluppo economico, in cui si punterà di più sui consumi interni, che sta vedendo forti investimenti in società di servizi di consumo, tecnologia e fondamentalmente su molti prodotti e servizi che in Occidente diamo per scontati. In pratica, la rivoluzione industriale cinese sta avvenendo davanti ai nostri occhi. Quindi, tutto ciò è molto, molto interessante, anche perché ci ritroviamo ora con una gamma più ampia in cui investire, meno dominata dalle grandi imprese statali, e con uno spirito imprenditoriale più spinto.

Cook: So che sei stato in Cina di recente e anche io ci sono stata alla fine del 2012 e quello che mi sembrava ovvio per me erano le costruzioni, così tanti lavori in corso, tante infrastrutture in costruzione. Esistono particolari settori che si dovrebbero tenere particolarmente in considerazione quando si investe in Cina?

Ehrmann: Sì, certo. La prima cosa da dire molto brevemente è che la Cina non è un paese omogeneo. Ci sono diverse cose in corso nelle varie regioni. E il settore delle costruzioni che hai citato è un esempio molto buono in cui si può avere esperienze completamente contrastanti tra grandi città come Shanghai e Pechino, e i centri abitati più piccoli, in cui ci sono solo un milione o due milioni di persone. In Cina ci sono circa 140-150 città con più di un milione di persone. Quindi, c’è molto movimento.

Ma i settori che troviamo più interessanti, come ho detto, sono quelli collegati alle nuove aree urbane, che faranno da base per una crescita sostenibile della Cina in futuro. Parlo soprattutto di tutto ciò che riguarda l'efficienza energetica, l'aumento della produttività, l'istruzione, la sanità. Ovvero quei settori che sono i più importanti anche da un punto di vista politico.

Cook: E per quanto riguarda il rovescio della medaglia? Voglio dire, c'è un elemento di rischio politico e, forse, alcuni dei progetti riguardanti la costruzione di mega città non potrebbero riuscire nel modo previsto. Quali sono i rischi principali di cui è necessario essere a conoscenza?

Ehrmann: Ironicamente, l’elemento politico è quello che mi preoccupa di meno. Abbiamo appena attraversato un anno molto politico, dove abbiamo avuto un cambio della guardia ai vertici. Quindi, una volta passato l’insediamento dei nuovi leader, cosa che avviene ogni decennio, il paese resta con uno scenario piuttosto interessante. Questa volta c'è stata molta più trasparenza rispetto al passato, in un sistema tradizionalmente piuttosto chiuso.

In termini economici, la questione è di riequilibrare il sistema, creare una base più solida mettendo in atto le riforme. Negli ultimi quattro o cinque anni, la Cina ha più che altro cercato di evitare di essere risucchiata nella spirale della crisi del resto del mondo.

La Cina ha messo in atto massicci stimoli fiscali, che hanno dominato i mercati finanziari negli ultimi anni. Ma andrebbe anche sottolineato che nel periodo di maggiore difficoltà, il terzo trimestre 2012, la crescita economica della Cina era comunque del 7%.

Cook: Hai citato il rallentamento economico e che è stato in parte responsabile della volatilità che abbiamo visto di recente. Il 2009 è stato davvero un anno incredibile per chi era esposto all’azionario cinese, mentre il 2011 è stato un anno abbastanza orribile; quest'anno, invece, è cominciato di nuovo abbastanza bene. È davvero necessario subire questa volatilità se si vuole investire in questo paese, non è vero?

Ehrmann: Penso che questo sia vero per molti, se non per tutti i mercati emergenti. Non siamo ancora arrivati alla fase in cui la Cina ha quello che definirei un cuore istituzionale in termini di investitori. Un aspetto che diventerà molto importante e che si sta verificando, ma al momento la volatilità riflette realmente il fatto che è un ambiente di vendita retail che ha vissuto momenti di boom-bust (bolle). Vorrei anche dire solo molto brevemente, naturalmente, che in tutto il mondo, gli ultimi tre o quattro anni sono stati davvero straordinari, e le dinamiche di risk on-risk off hanno creato un ambiente piuttosto volatile per tutti noi.

Cook: Quindi, in termini di asset allocation, stavo parlando con un utente di Morningstar l'altro giorno, che mi ha detto che poiché la Cina rappresenta circa il 40% della crescita mondiale, le dedicherà il 40% del suo portafoglio. Sei d’accordo con questo punto di vista?

Ehrmann: Penso che una sana premessa debba essere fatta: come sempre, bisogna considerare la propria situazione. Probabilmente io ho molto in comune con il vostro utente e davvero credo che non solo la Cina, ma altre zone dell'Asia, India, Indonesia, stanno crescendo molto, molto rapidamente, e si può vedere lo spostamento da Occidente verso il mondo in via di sviluppo, che sta accadendo davanti dei nostri occhi.

Tuttavia, occorre essere attenti a non dimenticare alcune aziende occidentali molto buone. Il mercato azionario degli Stati Uniti è andato molto forte l'anno scorso, così come i flussi di cassa sono stati forti. Le aziende hanno fatto acquisizioni, riacquisti di azioni, e, naturalmente, ci sono molti paesi e società occidentali che investono direttamente in Cina e nella regione asiatica. Ma come ho detto, penso che ci sia chiaramente un cambiamento in atto e una grande opportunità per gli investitori nella regione.

Cook: Alcuni potrebbero dire che la Cina non è più un paese emergente, che è sostanzialmente emersa e che forse la crescita si sta spostando altrove, ma mi sembra di capire che tu resti convinto che questa è davvero l’area da guardare ancora per un po’?

Ehrmann: Assolutamente. Dal mio punto di vista ci sono ancora alcune riforme materiali che devono essere messe in atto. Ad oggi, stiamo solo cominciando a vedere alcuni degli effetti di quella che io chiamerei “rivoluzione industriale” in Cina, e credo che da questo punto di vista gli investitori in possono aspettarsi progressi in termini di maggiore produttività e redditività aziendale.

Cook: Bene, Philip, grazie per la disponibilità e speriamo in un anno prospero del serpente d’acqua.

Ehrmann: Grazie mille.

Cook: Per Morningstar, sono Holly Cook. Grazie per l’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Holly Cook

Holly Cook  is Manager, Morningstar EMEA Websites