L’est che bussa all’Eurozona

La Lettonia ha chiesto di entrare e ha le carte in regola. In lista di attesa c’è anche la Polonia, che, però, sta sentendo i contraccolpi della crisi occidentale.

Sara Silano 20/03/2013 | 09:57
Facebook Twitter LinkedIn

A Bruxelles, la lettera è arrivata a febbraio ed è stata accolta come un raggio di sole che filtra una fitta coltre nuvolosa. La Lettonia, una delle repubbliche baltiche, ha chiesto di entrare nell’area euro. Il biglietto da visita è di quelli che meritano in un’epoca storica in cui la moneta unica è minacciata dalla crisi dei suoi sostenitori storici, come l’Italia.

Il paese è attualmente uno dei pochi in Europa che rispetta ampiamente i dettami di Maastricht. Il suo deficit di bilancio nel 2012 è stato pari all’1,5% del Pil (Prodotto interno lordo), il debito pubblico lordo è il 38% del Pil (126% in Italia), mentre l’inflazione è del 2,2%.

Lettonia, i vantaggi dell’euro
“La Lettonia è una piccola economia, flessibile, aperta e diversificata già dominata dall’euro a cui è ancorata da lungo tempo la moneta nazionale, il Lats”, spiega Egle Fredriksson, gestore dell’East Capital Baltic Fund (non registrato in Italia e solo per istituzionali). “Durante la crisi finanziaria ha chiaramente dimostrato come la sua economia sia in grado di adeguare le proprie spese senza ricorrere alla svalutazione per risolvere i problemi”. L’ingresso nell’euro, dunque, presenta diversi vantaggi per Riga, tra cui una maggiore credibilità, integrazione e soprattutto l’accesso al finanziamento internazionale. Le implicazioni positive sono state dimostrate da un’altra repubblica baltica, l’Estonia, che ha adottato la divisa comunitaria nel gennaio 2011 e da allora è stata una delle economie a più rapida crescita nel Vecchio continente (+3,2% nel 2012).

Per East Capital, la crescita annua dell’area resterà molto solida intorno al 3,5-4% nel 2013. “La Borsa estone lo scorso anno è stata tra le migliori al mondo, registrando un aumento del 41%”, dice Fredriksson. “Da inizio anno anche il mercato azionario baltico è forte, essendo arrivato a guadagnare il 6,4%. Le aziende quotate, inoltre, hanno registrato nel 2012 un incremento degli utili aggregati del 28%, molto meglio di quanto ci aspettassimo. Tra i vari settori, favoriamo le società collegate al consumo, che l’anno scorso hanno registrato la crescita più forte degli utili (+43%) sulla scia della ripresa della domanda interna”.

In lista di attesa
La convergenza è un tema di investimento che i gestori hanno sposato a partire dai primi anni del Duemila, quando undici paesi entrarono nell’Unione europea, senza avere, a quel tempo (2004), i requisiti per aderire alla moneta unica. Successivamente, nel 2007 e 2008, Slovenia, Cipro e Malta sono state ammesse. Nel 2009, l’euro è stato introdotto in Slovacchia e nel 2011 in Estonia. E’ ancora in lista di attesa, la Polonia, che è uno dei mercati che pesano di più negli indici dell’est Europa.

Il paese ha registrato una crescita del Pil reale del 2,1% nel 2012, facendo meglio dell’occidente. Per il 2013, tuttavia, gli economisti prevedono un tasso più basso (+1,3%) a causa del perdurare della crisi nell’Eurozona. “La combinazione di incertezza nella domanda estera e debole sentiment globale peseranno sugli investimenti privati”, dice Manolis Davradakis, senior economist di Axa Im. “Anche gli investimenti pubblici saranno deboli per effetto del consolidamente fiscale e della diminuzione dei fondi Ue”. I consumi rischiano di essere penalizzati dall’aumento della disoccupazione e dall’aumento del risparmio a scopo precauzionale. La situazione dovrebbe migliorare verso la fine dell’anno. Nel frattempo, la banca centrale rimarrà accomodante, anche se è poco probabile che tagli ulteriormente i tassi, ridotti a partire dal novembre scorso al 3,25%.

Per Davradakis, la Borsa polacca è da sottopesare, considerato che continua a fare peggio del resto dei mercati emergenti (e di quelli sviluppati). Le previsioni, infatti, non sono rosee considerato che la debolezza congiunturale pesa sugli utili. Si stima una contrazione dell’11% nei prossimi dodici mesi. Solo la Grecia ha un dato peggiore all’interno dell’indice Msci globale.

Chi esclude la Russia
In Italia, si contano sulle dita della mano i fondi specializzati sull’Europa orientale (esclusa la Russia), che hanno la convergenza come tema dominante. Esistono anche due Etf, uno di Lyxor e uno di Amundi, entrambi con metodo di replica sintetica. I paesi più rappresentati nel portafoglio, ma anche negli indici di riferimento, sono Polonia, Repubblica ceca e Ungheria.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia