L’est che bussa all’Eurozona

La Lettonia ha chiesto di entrare e ha le carte in regola. In lista di attesa c’è anche la Polonia, che, però, sta sentendo i contraccolpi della crisi occidentale.

Sara Silano 20/03/2013 | 09:57

A Bruxelles, la lettera è arrivata a febbraio ed è stata accolta come un raggio di sole che filtra una fitta coltre nuvolosa. La Lettonia, una delle repubbliche baltiche, ha chiesto di entrare nell’area euro. Il biglietto da visita è di quelli che meritano in un’epoca storica in cui la moneta unica è minacciata dalla crisi dei suoi sostenitori storici, come l’Italia.

Il paese è attualmente uno dei pochi in Europa che rispetta ampiamente i dettami di Maastricht. Il suo deficit di bilancio nel 2012 è stato pari all’1,5% del Pil (Prodotto interno lordo), il debito pubblico lordo è il 38% del Pil (126% in Italia), mentre l’inflazione è del 2,2%.

Lettonia, i vantaggi dell’euro
“La Lettonia è una piccola economia, flessibile, aperta e diversificata già dominata dall’euro a cui è ancorata da lungo tempo la moneta nazionale, il Lats”, spiega Egle Fredriksson, gestore dell’East Capital Baltic Fund (non registrato in Italia e solo per istituzionali). “Durante la crisi finanziaria ha chiaramente dimostrato come la sua economia sia in grado di adeguare le proprie spese senza ricorrere alla svalutazione per risolvere i problemi”. L’ingresso nell’euro, dunque, presenta diversi vantaggi per Riga, tra cui una maggiore credibilità, integrazione e soprattutto l’accesso al finanziamento internazionale. Le implicazioni positive sono state dimostrate da un’altra repubblica baltica, l’Estonia, che ha adottato la divisa comunitaria nel gennaio 2011 e da allora è stata una delle economie a più rapida crescita nel Vecchio continente (+3,2% nel 2012).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies