Le violazioni valutarie non si desumono dal modulo RW

L’indicazione degli “investimenti all’estero” non implica la violazione della disciplina sui passaggi transfrontalieri con denaro contante al seguito.

Maurizio Meoli, Eutekne 09/11/2012 | 10:17

La circostanza di aver riportato, in sede di dichiarazione dei redditi (modulo RW, Sez. II), l’entità complessiva (e rilevante) degli “investimenti all’estero” non comporta il riconoscimento della violazione della disciplina valutaria in materia di passaggi transfrontalieri con “denaro contante” al seguito, nella quale, per importi pari o superiori a 10.000 euro, è imposta la presentazione di apposita dichiarazione.

A precisarlo è il Tribunale di Asti nel provvedimento del 20 giugno 2012. In ordine a tale pronuncia appare opportuno, in via preventiva, ricordare come, ai sensi dell’art. 3, comma 1 del DLgs. 195/2008, chiunque esca o entri nel territorio nazionale trasportando “denaro contante” (ovvero, tra l’altro, banconote, monete e strumenti negoziabili al portatore) di importo “pari o superiore” a 10.000 euro debba dichiarare tale somma all’Agenzia delle Dogane. La violazione delle disposizioni di cui sopra è punita dall’art. 9, comma 1 del DLgs. 195/2008, che è stato recentemente sostituito dall’art.11, comma 8, lett. d), n. 1 del DL 16/2012 convertito.

La previgente sanzione fino al 40% dell’importo trasferito, o che si tenta di trasferire, eccedente la soglia indicata, infatti, è stata sostituita da sanzioni differenziate in base all’entità dell’importo trasferito, o che si tenta di trasferire.
Esse vanno:
- dal 10% al 30% dell’importo trasferito, o che si tenta di trasferire, in eccedenza rispetto al limite di 10.000 euro, se detta eccedenza non è superiore a 10.000 euro;

- dal 30% al 50% dell’importo trasferito, o che si tenta di trasferire, in eccedenza rispetto al limite di 10.000 euro, se detta eccedenza è superiore a 10.000 euro.
Resta fermo l’importo minimo di 300 euro della sanzione pecuniaria amministrativa. 

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

 

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies