Dopo la trimestrale LVMH è un'opportunità di investimento?

Le azioni del colosso del lusso sono salite dopo i risultati del primo trimestre, nonostante il rallentamento della crescita delle vendite.

Jelena Sokolova 17/04/2024 | 12:54
Facebook Twitter LinkedIn

LVMH

Le azioni di LVMH Moet Hennessy Louis Vuitton (MC) sono aumentate del 4% dopo che la società ha comunicato gli utili del primo trimestre 2024 martedì 16 aprile.

Metriche chiave di Morningstar per LVMH:

• Fair Value Estimate: €670.00
• Morningstar Rating: 2 stelle
• Morningstar Economic Moat Rating: Wide
• Morningstar Uncertainty Rating: Medium

Le considerazioni di Morningstar sui risultati del primo trimestre di LVMH

LVMH è ancora scambiata a 26 volte gli utili, con una crescita che sta rallentando a una sola cifra (anche se il 1° trimestre è il più difficile dal punto di vista della base di confronto) e una possibile pressione sui margini (crescita elevata nei segmenti a basso margine - cosmetici e vendita al dettaglio selettiva).

Come ci aspettavamo, il cluster cinese rimane un segmento positivo con una crescita del 10% a livello globale nel settore della moda e della pelle (questo dovrebbe essere una buona notizia per Richemont e Swatch, che sono maggiormente esposti al cluster cinese). Sia i consumatori aspirazionali che quelli benestanti stanno aumentando la spesa, a differenza dell'Occidente dove i consumatori aspirazionali rimangono sotto pressione (in linea con le nostre aspettative).

I grandi marchi tendono a sovraperformare nelle fasi di contrazione, quindi un rallentamento di LVMH sarebbe esacerbato nei marchi più piccoli, in particolare quelli che stanno lottando con i turnaround (ad esempio Ferragamo, Burberry). Questo probabilmente si riflette già nel consenso.

La crescita della divisione moda e pelle, pari al 2%, è trainata dai prezzi (ancora inferiori all'inflazione), ma non si prevede che i prezzi contribuiscano molto alla performance nel breve termine.

Vediamo un valore migliore in Richemont (ampio fossato, elevata esposizione alla clientela cinese), Swatch (elevata esposizione alla clientela cinese, minore resistenza da parte dei marchi di fascia bassa, valutazione interessante) e Kering (una storia a lungo termine di trasformazione del marchio, possibilità di acquistare in modo interessante in caso di debolezza).

Il titolo LVMH rimane sopravvalutato

Manteniamo la nostra stima di fair value di 670 euro per LVMH, che ha registrato un atteso rallentamento dei trend di crescita nel primo trimestre. Riteniamo che le azioni siano leggermente sopravvalutate ai livelli attuali.

Le vendite del gruppo sono aumentate del 3% in valuta locale. Le vendite della divisione più redditizia e più grande, moda e pelletteria, sono aumentate del 2%. Le vendite sono state più forti rispetto al calo del 10% circa annunciato da Kering in un profit warning all'inizio del mese, ma mostrano comunque una marcata decelerazione rispetto alla crescita a una sola cifra degli ultimi due trimestri. Questo non è una sorpresa, data la base di confronto molto sfidante dello scorso anno, che ha mostrato una crescita del 17% per il gruppo e del 18% per la moda e la pelletteria.

La base di confronto diventa più semplice nella seconda metà dell'anno. In linea con le nostre aspettative, l'indebolimento della domanda è stato guidato dai consumatori dei mercati sviluppati - i consumatori meno abbienti e aspirazionali sono stati particolarmente colpiti, con vendite leggermente negative alla clientela europea, americana e giapponese nel settore della moda e della pelletteria, in continuità con le tendenze iniziate nel terzo trimestre dello scorso anno. In linea con le nostre aspettative, la domanda cinese ha rappresentato un punto di forza, con un aumento delle vendite ai cittadini cinesi di circa il 10% e una maggiore spesa all'estero. Abbiamo già sostenuto in passato che la domanda cinese ha un potenziale di rialzo non sfruttato, mentre la domanda dei consumatori occidentali dovrebbe scendere dai suoi massimi post-pandemici. È interessante notare che il management ha parlato di una forte domanda da parte dei consumatori cinesi aspirazionali e facoltosi.

La crescita dei ricavi per la moda e la pelletteria è stata guidata dai prezzi, con mix e volumi che si sono ampiamente compensati. In generale, il management non si aspetta che il prezzo sia uno dei principali fattori di performance nel prossimo futuro.

Per quanto riguarda gli altri segmenti, i vini e gli alcolici sono stati i più deboli, con un calo organico del 12%. I profumi e i cosmetici hanno registrato un'ottima performance, con un aumento del 7%, così come la vendita al dettaglio selettiva, con una forte performance di Sephora, in crescita dell'11%. La crescita della divisione Orologi e gioielli è stata modesta, con una migliore performance di Bulgari, che ha una maggiore esposizione alla clientela cinese. Tuttavia, l'indebolimento di Tiffany è stato trascinato da una debole performance dei consumatori americani aspirazionali. Le divisioni a più basso margine sono cresciute di più, il che dovrebbe avere un impatto negativo sulla redditività del gruppo.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Lvmh Moet Hennessy Louis Vuitton SE751,90 EUR-2,11Rating

Info autore

Jelena Sokolova  Equity Analyst

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures