TIM in ribasso dopo integrazione al piano industriale

Il titolo viene sospeso per eccesso di ribasso in mattinata e ora segna -8,15%.

Alliance News 11/03/2024 | 11:16
Facebook Twitter LinkedIn

infografica settre telecom

Telecom Italia Spa ha comunicato lunedì 11 marzo un'integrazione del comunicato stampa e della presentazione del piano industriale 2024-2026 'Free to Run' diffusi in occasione del Capital Market Day dello scorso 7 marzo.

La società precisa quindi che il debito netto pro-forma al netto del deleverage stimato per l'operazione Netco pari a circa EUR6,1 miliardi al 31 dicembre 2023, è atteso alla fine del 2024 pari a circa EUR7,5 miliardi.

Tale variazione è principalmente riconducibile a una componente di gestione ordinaria - ovvero l'Ebitda al netto degli investimenti, gli oneri finanziari, l'andamento del Net Working Capital, le minorities di TIM Brasil e la componente tasse e altri oneri - e un'altra di gestione straordinaria, ovvero gli impatti connessi all'operazione Netco come i costi da separazione, gli eventuali impatti da price adjustment e ulteriori partite relative al Net working Capital.

Infine, per quanto riguarda i flussi di cassa 2025-2026, la società ha precisato che nel 2025 il Net cash flow è atteso intorno allo zero e nel 2026 intorno a EUR500,0 milioni. "Questi livelli di Net cash flow, se normalizzati, portano a un valore intorno agli EUR400,0 milioni nel 2025 e agli EUR800 milioni nel 2026", si legge nella nota.

I fattori di normalizzazione dei flussi di cassa "sono connessi a uscite di cassa straordinarie a livello di working capital principalmente correlate all'effettiva liquidazione del personale oggetto di iniziative di incentivo all'esodo già attivate e alla normalizzazione dei costi del debito dovuta all'impatto del miglioramento atteso del merito di credito che consentirà alla società di implementare, a tendere, una più efficiente gestione del margine di liquidità e alla diminuzione degli oneri correlati alle partite straordinarie", sottolinea ancora la società.

“TIM conferma, quindi, la guidance 2024-2026" già presentata al mercato, precisando "che eventuali upside alla guidance potrebbero derivare dagli earn out connessi all'operazione Netco e dalla possibile cessione di Sparkle, il cui processo è tutt'ora in corso".

Il titolo di TIM ha chiuso venerdì in rialzo del 4,8% a EUR0,22 per azione. Oggi ha aperto in positivo, poi è stato sospeso per eccesso di ribasso e mentre scriviamo segna -8,15% (aggiornamento Morningstar su notizia Alliance News).

Di Chiara Bruschi, Alliance News reporter

Copyright 2024 Alliance News IS Italian Service Ltd. Tutti i diritti riservati.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Telecom Italia SpA0,25 EUR0,65Rating

Info autore

Alliance News  fornisce a Morningstar notizie aggiornate sui mercati finanziari e l'economia.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures