Cathie Wood (ARK) su Rize ETF, IA, Nvidia e Bitcoin

La fondatrice e CEO di ARK Invest discute con Morningstar del suo sbarco in Europa, degli investimenti tematici, del rally dell'intelligenza artificiale, della valutazione di Nvidia e del futuro delle criptovalute.

Valerio Baselli 25/09/2023 | 09:27
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Valerio Baselli: Buongiorno e benvenuti su Morningstar. La grossa notizia nel settore degli ETF è che la società americana di gestione patrimoniale ARK Invest, specializzata in innovazione dirompente, ha acquisito Rize ETF, un fornitore di replicanti tematici e sostenibili con sede a Londra. Per parlare del futuro di ARK Invest in Europa, tra le altre cose, oggi sono in compagnia della nota fondatrice e CEO di ARK Invest, Cathie Wood.

Allora, Cathie, innanzitutto benvenuta e grazie per essere qui. Cominciamo dalle basi: perché questa acquisizione in Europa e perché ora?

Cathie Wood: Beh, in ARK è stato molto interessante, praticamente fin dall'inizio, monitorare chi sono gli abbonati alle nostre ricerche, che forniamo gratuitamente. Abbiamo scoperto che il 25% di loro proviene dall'Europa, ma non avevamo nulla, nessuna strategia, da offrire in Europa. Abbiamo quindi cercato per un po' di tempo e abbiamo trovato questa gemma nascosta all'interno di AssetCo, e il DNA era proprio quello giusto: sono tematici, orientati al futuro, orientati ai mega trend, e ci è sembrato un ottimo incastro.

Baselli: Come lei sa, negli ultimi anni gli investimenti tematici hanno conosciuto un'impennata in Europa, anche se il ritmo dei flussi, ad esempio, è rallentato rispetto all'esplosione post COVID-19. Cosa pensa degli investimenti tematici, soprattutto in Europa, dove l'investitore medio è probabilmente diverso da quello americano?

Wood: A giudicare dall’interesse verso la nostra ricerca, credo che l'appetito ci sia. E apprezzo anche il fatto che il nuovo team di ARK Invest Europe ci stia insegnando molto: l'Europa è diversa. Paesi diversi hanno diversi tipi di appetito per strategie diverse. So che, per esempio, Valerio, nella tua Italia c'è un grande appetito per le strategie tematiche, mentre in altre aree forse no. Quindi, lasceremo a loro il compito di indirizzarci verso i luoghi giusti.

Baselli: Interessante. Quali consigli darebbe agli investitori che cercano un fondo tematico? E c'è qualche tema che, secondo lei, non ha un reale merito d'investimento, almeno a oggi?

Wood: In ARK Invest ci siamo concentrati sugli ETF a gestione attiva e su altri strumenti, focalizzati esclusivamente sull'innovazione dirompente. ARK Invest Europe ha una mentalità simile. Riteniamo che non ci siano abbastanza strategie che si concentrino sul futuro nel modo in cui noi ci concentriamo sulla ricerca originale. Vediamo molte strategie che sono in qualche modo frutto di benchmark più ampi. E pensiamo che il mondo della tecnologia, in particolare, si stia muovendo così rapidamente che sarà molto difficile per i benchmark tenere il passo. Faccio solo un esempio. Negli USA, l'S&P 500 ha aspettato che Tesla raggiungesse i 500 miliardi di dollari per ammetterla nel suo indice. 500 miliardi di dollari. Non ci sono molte aziende più grandi di questa. Eppure, nel caso di Tesla, pensiamo che abbia ancora molta strada da fare.

Baselli: E parliamo della vostra strategia di punta, il fondo ARK Innovation. Dopo aver registrato performance estremamente positive tra il 2017 e il 2020, il fondo ha sofferto per un paio d'anni. Ora, nel 2023, la performance è molto positiva. Ma alcuni potrebbero dire che la strategia ha perso gran parte del rally dell'intelligenza artificiale. L'esempio più facile è ovviamente NVIDIA, un nome che avete posseduto fin dall'inizio, credo, che non fa più parte del portafoglio e che ha registrato una crescita di circa il 190% dall’inizio dell’anno. Perché ha deciso di chiudere la sua partecipazione in NVIDIA? E si pente di questa decisione?

Wood: Se leggete le nostre ricerche risalenti al 2014, siamo stati molto attenti alla rivoluzione dell'intelligenza artificiale. Abbiamo acquisito un'esposizione a NVIDIA quando il prezzo era di 5 dollari, mentre ora è più vicino ai 450 dollari. E stavamo battendo i pugni sul tavolo. Abbiamo ottenuto ottimi risultati. In effetti, nella strategia di punta dall'inizio è stato il quarto maggior contributore alla performance dopo Tesla, GBTC (Grayscale Bitcoin Trust), Invitae, che è un nome della genomica, e poi NVIDIA.

Quello che abbiamo fatto con la nostra ricerca è stato cercare di capire chi altro vincerà in maniera molto importante. Si tratta di una vera e propria ricerca originale, che si contrappone alla semplice selezione di una casella, in questo l'intelligenza artificiale. Abbiamo scoperto che le caratteristiche delle aziende che vinceranno in questa nuova era - e questo avrà un impatto su tutti i settori e su tutte le aziende - sono le società con competenze di dominio e, quando si tratta di innovazione, questo è davvero importante, soprattutto in aree come il sequenziamento multi-omico e le scienze della vita. Quindi, hanno competenze di dominio, hanno competenze di IA, quindi guardiamo al loro talento e, cosa forse più importante, hanno pool di dati proprietari in modo da poter evolvere modelli di IA specializzati e integrarli nei modelli open source in circolazione per sviluppare soluzioni molto potenti. Quasi tutti i nomi della nostra strategia di punta sono esposti all'intelligenza artificiale. NVIDIA è molto più costosa della maggior parte dei nomi presenti nel nostro portafoglio, ad eccezione forse dei nomi multi-omici.

Baselli: Sì, esattamente. Volevo chiederle cosa pensa dell'attuale valutazione di NVIDIA. Ritiene che le aspettative del mercato sulla sua crescita o sui suoi margini siano eccessivamente ottimistiche?

Wood: Pensiamo che sarà un buon titolo nel tempo, ma non pensiamo che supererà gli altri titoli del nostro portafoglio nel tempo, man mano che sempre più persone, analisti, investitori, faranno ricerche, ricerche reali, sul significato di questa rivoluzione dell'intelligenza artificiale. Pertanto, riteniamo che le nostre attuali posizioni siano esposizioni incomprese all'intelligenza artificiale. Non ci pentiamo di aver venduto NVIDIA dal portafoglio principale, che deve incorporare tutte le nostre piattaforme di innovazione, quindi robotica, stoccaggio di energia, intelligenza artificiale, tecnologia blockchain e sequenziamento multi-omico. Gli altri portafogli, che sono più specializzati, possiedono NVIDIA. Abbiamo appena ridotto la posizione in modo significativo.

Baselli: Parlando di intelligenza artificiale, lei investe da anni in questo settore. Ha un modo preferito di acquisire esposizione al tema? Per esempio, cosa preferisce tra i fornitori di soluzioni, i fornitori di hardware o magari le aziende che sfrutteranno l'intelligenza artificiale nelle loro attività, come le aziende biotecnologiche?

Wood: Come ho già detto, praticamente tutti i titoli dei nostri portafogli vengono analizzati con l'obiettivo dell'intelligenza artificiale nel modo che ho descritto, soprattutto per quanto riguarda i dati proprietari. Ma per ogni dollaro di hardware investito nello spazio AI - e NVIDIA è principalmente hardware, con un'evoluzione delle soluzioni software, ma principalmente hardware - ci aspettiamo una quantità di software da 8 a 20 volte superiore. Per questo motivo, nei nostri portafogli abbiamo molti nomi orientati al software. Per fare un esempio, UiPath è una società di automazione dei processi robotici. Aiuta le aziende ad automatizzare le attività amministrative più banali. Dispone di dati proprietari associati a molte aziende di tutto il mondo e alle soluzioni che stanno evolvendo per automatizzare questi processi banali, compresa l'intelligenza artificiale. Quindi, possiede tutti questi dati proprietari.

Altri nomi che non sono familiari, ed è quello che offriamo, è la diversificazione nello spazio dell'innovazione dirompente. Tra gli altri nomi figurano Twilio, Exact Sciences e anche Zoom. Credo che molti siano sorpresi di vedere Zoom nel nostro portafoglio. Ma credo che molti saranno sorpresi di vedere quante applicazioni di IA sta sviluppando Zoom. Quindi, il 4 ottobre, rimanete sintonizzati su Zoomtopia e ne saprete di più.

Baselli: Molto interessante. Il vostro processo di investimento segue una filosofia chiara: un portafoglio concentrato su nomi ad alta convinzione e crescita. Un contesto economico caratterizzato da un aumento dei tassi di interesse è tutt'altro che ideale per questo tipo di strategia. Come lo gestite? E quali sono le sue previsioni sui tassi e sulla crescita economica?

Wood: Sì. Nel corso del 2021 e del ‘22 questo è stato un vero problema. In primo luogo, la paura di un aumento dei tassi di interesse ha danneggiato la nostra strategia, e poi l'attualità, o la realtà, dell'aumento dei tassi l'anno scorso l’ha davvero danneggiata. Quest'anno abbiamo iniziato a sovraperformare e credo che ciò sia dovuto al fatto che gli investitori guardino al di là di questi aumenti dei tassi d'interesse e ne prevedono la fine e quindi, in ultima analisi, il declino. Se abbiamo ragione, l'innovazione dirompente causerà molta deflazione. È una buona cosa. La deflazione causata dall'innovazione dirompente provocherà un'esplosione dei tassi di crescita delle unità nello spazio dell'innovazione dirompente.

Pensiamo di aver superato il momento peggiore, ma vorrei anche ricordare un altro periodo in cui i tassi di interesse sono aumentati, ad esempio nel 2017. La nostra risposta allora è stata: "Aspettate un attimo, la Fed è ormai sicura che la crisi del 2008-2009 sia stata superata e permetterà ai mercati di lavorare". Il nostro portafoglio principale è cresciuto dell'87% quell'anno, anche se i tassi di interesse stavano salendo. Ora, se i tassi d'interesse si sono stabilizzati o stanno scendendo, sarà un ambiente ancora più favorevole per le nostre strategie, soprattutto alla luce di quanto è accaduto nel ‘21 e ‘22. Questo sarà il rovescio della medaglia.

Baselli: Ovviamente, se si pensa all'innovazione dirompente, si pensa agli asset digitali e alle criptovalute. Lei è stata tra i primi ad adottare il Bitcoin. Ora i mercati attendono la decisione della Security and Exchange Commission sul primo ETF spot sul Bitcoin. Da questo punto di vista, però, potremmo dire che l'Europa è probabilmente un po' più avanti. Ci sono decine di ETP su criptovalute quotati in Europa, come ben sa – avete una partnership con 21Shares, il più grande fornitore di ETP sulle criptovalute in Europa. Quali sono le sue prospettive per il Bitcoin in questa fase?

Wood: Siamo molto ottimisti sul Bitcoin. Una delle pietre miliari di quest'anno, che credo abbia sorpreso tutti, è stata la crisi delle banche regionali negli Stati Uniti a marzo. Mentre i titoli delle banche regionali stavano crollando, alcune sono fallite, il Bitcoin è passato da 19.000 a 30.000. Che cosa è stato? È stata una fuga verso la sicurezza. Uno dei motivi per cui le banche regionali e la maggior parte delle banche si trovano in difficoltà è il rischio di controparte e la fuga dei depositanti. Se si pensa alle criptovalute e in particolare al Bitcoin, questo è completamente decentralizzato, non c'è rischio di controparte. Ed è completamente trasparente. È possibile vedere i movimenti in base all'indirizzo IP e capire dove potrebbero esserci problemi. È un gigantesco controllo di vicinato con molte persone coinvolte. Si tratta del loro sostentamento. Quindi, pensiamo che sia molto solido. Quando le istituzioni otterranno il via libera, e credo che stiano aspettando la SEC, penso che assisteremo a una partecipazione significativa a questa nuova asset class da parte delle istituzioni.

Baselli: Infine, tornando all'inizio, cioè all'acquisizione di Rize ETF, quale sarà il suo ruolo per il mercato europeo e in generale all'interno dell'azienda? Continuerà a gestire gli ETF attivi?

Wood: Sì, gli ETF azionari attivi che ARK Invest gestisce negli Stati Uniti continueranno ad essere gestiti da me. ARK Invest Europe gestirà le strategie tematiche indicizzate di ARK e distribuirà per noi. Pensiamo che sia una strategia vincente per tutti.

Baselli: Grazie mille, Cathie, per il suo tempo e i suoi approfondimenti. Lo apprezzo molto. Per Morningstar, Valerio Baselli. Grazie per averci seguito.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle Newsletter Morningstar

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Exact Sciences Corp44,85 USD1,93Rating
Invitae Corp0,00 USD650,00
NVIDIA Corp126,57 USD-3,22Rating
Tesla Inc183,01 USD0,79Rating
Twilio Inc Class A54,72 USD2,40Rating
UiPath Inc Class A11,96 USD5,19
Zoom Video Communications Inc58,88 USD0,98Rating

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

© Copyright 2024 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookie Settings        Disclosures