Si avvisano gli utenti che al momento stiamo riscontrando dei problemi nella fase di registrazione ai servizi Premium e che è in corso la manutenzione ordinaria della sezione Portfolio. I due servizi torneranno operativi il prima possibile. Grazie per la pazienza.

Il binomio Ipo e Venture Capital fa fatica in Europa

Dal 2021, oltre tre quarti delle Ipo europee sostenute da Venture Capital hanno visto calare il prezzo delle loro azioni sotto quello di prima negoziazione.

Leah Hodgson 10/01/2023 | 11:46
Facebook Twitter LinkedIn

private equity

Il 2022 ha certificato un calo significativo del numero di Ipo “venture backed” (quelle nel cui capitale di rischio prima della quotazione è presente un investitore professionale, quale un fondo di venture capital o di private equity). Nel 2022 si è registrato anche il numero più basso di Ipo dal 2019 (in base ai dati di PitchBook). Un totale di 45 società quotate per un valore aggregato di 5,2 miliardi di euro (circa 5,5 miliardi di dollari), in calo rispettivamente del 74,4% rispetto al 2021 (-93,5% se si considera il valore di mercato).

Le ragioni del calo
Un deterrente significativo per le nuove Ipo è stata la scarsa performance di molte società che sono diventate pubbliche negli ultimi anni. Al 7 dicembre 2022, circa l'84,5% delle matricole del 2021 sono scambiate a prezzi inferiori rispetto a quello di Ipo e oltre la metà di esse ha visto il valore delle proprie azioni diminuire di oltre il 50% (questi dati sono limitati alle azioni che sono quotate e che hanno prezzi correnti disponibili).

dati vc ipo

Nel 2021 si è registrata un'ondata di mega-Ipo e quotazioni dirette che hanno offerto agli investitori private la possibilità di realizzare rendimenti fuori misura per le loro società in portafoglio. I crescenti investimenti nelle startup europee hanno generato valutazioni gonfiate per queste aziende che, una volta diventate public company, non sono state il più delle volte bene accolte dal mercato.

Inoltre, la forte volatilità causata da eventi geopolitici e da fattori macroeconomici, tra cui l'aumento dei tassi di interesse, ha portato a ulteriori riduzioni dei prezzi delle azioni nei mercati pubblici e le aziende tecnologiche globali, tra cui Meta Platforms e Microsoft, hanno perso miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato.

Molti insuccessi
Molte delle Ipo europee di alto profilo degli ultimi due anni hanno subito un forte deprezzamento delle loro azioni. Quando la società di fintech Wise è diventata pubblica nel luglio 2021, era valutata 8 miliardi di sterline (circa 9,7 miliardi di dollari), ma da allora le sue azioni sono scese di oltre il 25% (al 7 dicembre 2022). La società israeliana di software Monday.com ha registrato un calo simile dopo la sua Ipo finalizzata nel giugno del 2021. Mentre Deliveroo, che è stata la più grande Ipo britannica dell’ultimo decennio, in termini di capitalizzazione di mercato, ha perso oltre il 75% dal suo debutto in Borsa (al 7 dicembre).

Pochi exploit
In Europa, tuttavia, si sono registrati anche risultati molto importanti da parte di alcune Ipo sostenute da VC. La società biotecnologica Immunocore, ad esempio, ha superato a dicembre i 60 dollari per azione, dopo aver debuttato in Borsa al prezzo di 26 dollari.

Date le attese per il prossimo anno di ulteriori riduzioni delle valutazioni nei mercati privati e di minore capitale disponibile per gli investimenti, alcune startup potrebbero decidere di rimanere private più a lungo piuttosto che rischiare una perdita maggiore nei mercati pubblici.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Deliveroo PLC87,50 GBP0,00Rating
Immunocore Holdings PLC ADR57,00 EUR0,00
Meta Platforms Inc Class A191,62 USD0,00Rating
Microsoft Corp267,56 USD0,00Rating
Monday.Com Ltd Ordinary Shares139,94 USD0,00
Wise PLC Class A576,20 GBP0,00

Info autore

Leah Hodgson  è financial writer di PitchBook.