Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Perché non conviene mettere tutti i risparmi in un conto deposito

Ecco i motivi per cui dovresti far lavorare i tuoi soldi per te e perché un conto di risparmio non riesce a farlo.

Johanna Englundh 09/12/2022 | 09:00
Facebook Twitter LinkedIn

inflation

Avere un fondo di emergenza è sempre una mossa finanziaria intelligente, ma ciò non significa necessariamente che dovresti accumulare tutti i tuoi soldi in un conto deposito. Quando si dispone di una importante somma in eccesso rispetto al fondo di emergenza allora è il momento di iniziare a investire.

Ma quanto deve essere grande questa somma di denaro per essere considerata importante? La risposta a questa domanda, purtroppo, è: "dipende".

Contempla tutti i possibili scenari che potrebbero costringerti a impiegare del denaro. Può essere qualsiasi cosa, dalla perdita del lavoro (e questo significa calcolare quanto tempo potrebbe volerci prima che tu possa assicurarti di nuovo un reddito), alla tua macchina che si rompe, al tuo animale domestico che si ammala o alla tua lavatrice che si guasta. Questi sono i motivi per cui hai bisogno di un fondo di emergenza. Per qualcuno potrebbe essere l’equivalente di un mese di stipendio, per altri di sei. Tutto dipende dalle tue entrate ed uscite, ma anche da quanto sei in grado di modificare le tue spese.

Una volta che hai raggiunto un livello di risparmio in eccesso rispetto al fondo di emergenza, allora è il momento di smettere di finanziare il tuo conto deposito perché nella maggior parte dei casi ti offre poco o nessun tasso di interesse. In tempi normali questo è un problema, ma con l’attuale livello dell'inflazione è ancora peggio. Le decisioni della Banca centrale europea negli ultimi mesi hanno prodotto un aumento del costo del denaro, ma gli istituti di credito sono lenti nell'aumentare i tassi di interesse sui conti deposito.

Cos'è l'inflazione? L’esempio Big Mac
L'inflazione è comunemente definita come la svalutazione della moneta o come l’aumento dell’indice dei prezzi. Se ultimamente ti è sembrato che le cose siano diventate sempre più costose, è perché lo sono. Usiamo il Big Mac Index come esempio.

Quando McDonald's ha presentato per la prima volta il Big Mac al pubblico, costava solo 45 centesimi di dollaro. Oggi, lo stesso identico prodotto ti costa circa 5 dollari. Si tratta di un aumento del prezzo superiore al 1000%. E se ci pensi bene, non ha davvero alcun senso per McDonald's aumentare il prezzo di un Big Mac, e soprattutto non del 1000%.

Dagli anni '60, McDonald's è diventato esponenzialmente più efficiente. Oggi dispone di metodi più sofisticati per l'allevamento, il trasporto, la fertilizzazione e la comunicazione, oltre che antibiotici per mantenere le mucche in salute. Con tutto questo progresso, McDonald's dovrebbe essere in grado di produrre più hamburger a un costo inferiore per mantenere bassi i prezzi. Allora perché nel mondo il costo medio di un hamburger sta aumentando? La risposta è l'inflazione. Il prezzo del Big Mac non aumenta. È il tuo denaro che sta perdendo valore.

Il tasso di inflazione dipende da una combinazione di diversi fattori. Di solito, è attorno al 2-3% all'anno. Questo è anche il tasso al quale la maggior parte delle banche centrali globali vuole che l'inflazione si alzi. Tuttavia, il tasso di inflazione oggi è del 10% nell'Eurozona. In altre parole, ogni anno il tuo denaro perde il 10% del suo valore. Ciò significa che se hai risparmiato 10.000 euro l'anno scorso, oggi valgono circa 9.000 EUR in termini di potere d'acquisto. Se l’inflazione dovesse proseguire allo stesso ritmo, l'anno prossimo varrebbero solo 8.100 euro.

Inflazione + Conto deposito a basso interesse = Cocktail pericoloso
Se tieni i tuoi soldi in un conto deposito, in realtà stai perdendo denaro ogni anno in termini di potere d'acquisto.

I tuoi risparmi stanno sostanzialmente guadagnando quasi lo 0% di interessi e, nel frattempo, l'inflazione sta facendo salire ogni anno i prezzi dei beni di uso quotidiano di quasi il 10%. Pertanto, non dovresti tenere tutti i tuoi soldi in un conto deposito. Al contrario, dovresti investirli in modo che possano crescere, come ad esempio nel mercato azionario. Idealmente, infatti, i risparmi devono crescere a un tasso superiore all'inflazione.

Ma aspetta un attimo, anche quest'anno i mercati azionari globali sono in perdita, giusto?
Le Borse di tutto il mondo hanno davvero avuto un 2022 difficile, ma se guardiamo storicamente ai mercati, tutto torna. L'indice Morningstar Global Markets ha avuto un rendimento annuo dell'8,2% in euro negli ultimi 20 anni, mentre l'indice Morningstar DM Europe ha guadagnato il 6,5% annuo nello stesso periodo. Due risultati ben al di sopra rispetto all'obiettivo di inflazione del 2%.

Ciò non significa che la strada sia semplice, durante il percorso si incontreranno diversi dossi, ma nel lungo termine questa strategia può aiutarti a sconfiggere il mostro dell'inflazione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Johanna Englundh  è un editore per Morningstar in Svezia.