Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Porsche debutta in Borsa appena al di sopra del prezzo di offerta

Le azioni del produttore di auto sportive Porsche AG hanno oscillato appena al di sopra del loro prezzo di offerta nel primo giorno di negoziazione dopo l'IPO da 9,1 miliardi di dollari avvenuta giovedì a Francoforte.

Antje Schiffler 29/09/2022 | 17:25
Facebook Twitter LinkedIn

Black Porsche by the Sea

Le azioni del produttore di auto sportive Porsche AG hanno oscillato appena al di sopra del loro prezzo di offerta nel primo giorno di negoziazione dopo l'IPO da 9,1 miliardi di dollari avvenuta giovedì 29 settembre a Francoforte.

A fronte di una forte domanda da parte degli investitori, le azioni sono state prezzate a 82,50 euro, l'estremo superiore di una forchetta iniziale di 76,50-82,50 euro. Dopo essere salito fino al 4,9% a metà giornata, il titolo si è ritirato vicino al prezzo di offerta.

La performance sostanzialmente neutra ha contrastato, comunque, con un calo del 2% dell’indice tedesco DAX giovedì, appesantito dal sentiment negativo degli investitori europei per l’imminente annessione da parte della Russia di regioni ucraine occupate, da un sospetto attacco a oleodotti strategici e da una crisi di fiducia sulla gestione dell'economia da parte del nuovo governo britannico.

La scelta del momento in cui Porsche ha deciso di quotarsi in Borsa aveva sollevato dubbi già in passato. "Le valutazioni del mercato del settore automobilistico sono state colpite dalla possibilità di una recessione, dalla scarsità di chip, dalla guerra in Ucraina, dall'aumento dei costi delle materie prime, dai prezzi più alti della benzina e da altre pressioni inflazionistiche sui costi", ha dichiarato Richard Hilgert, Senior Equity Analyst di Morningstar, prima dell'IPO.

L'IPO di Porsche è la più grande in Germania dalla quotazione di Deutsche Telekom nel 1996.

Prima dell'offerta, Volkswagen (VWAGY) ha rinnovato la struttura del capitale di Porsche in due classi di azioni: 50% di azioni privilegiate senza diritto di voto e 50% di azioni ordinarie con diritto di voto. Anche Volkswagen ha una struttura a due classi di azioni, con il 59% di azioni ordinarie con diritto di voto e il 41% di azioni privilegiate senza diritto di voto.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Antje Schiffler  è Editor di Morningstar in Germania