Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Le Best idea di Morningstar per chi ama i dividendi

Abbiamo selezionato le azioni europee che offrono la miglior combinazione di qualità, valore e cedola. Ecco la lista di settembre.

Francesco Lavecchia 13/09/2022 | 09:13
Facebook Twitter LinkedIn

yield

Cosa cerca chi investe in Azioni ad alto dividendo? Sicuramente una cedola su cui poter contare in futuro e uno yield possibilmente generoso. Per queste ragioni abbiamo selezionato le aziende europee che negli ultimi cinque anni non hanno mai ridotto il dividendo a favore degli azionisti e tra queste abbiamo scelto quelle che hanno un Economic moat (il campione di partenza sono le holding inserite nel paniere dell’indice Morningstar DM Eur). Il motivo per cui abbiamo applicato questo secondo filtro di selezione è che le società con un business di qualità hanno dimostrato di essere in grado di resistere meglio alle turbolenze del mercato e agli shock esogeni, come ad esempio la pandemia.

Tra questi titoli abbiamo inserito nella nostra lista solo quelli scambiati a sconto sul mercato, ovvero con un Morningstar rating di 4 o 5 stelle. Questa scelta va nella direzione di evitare il rischio di cadere nella trappola del dividendo, cioè di investire in una stock perché attratti da un dividendo consistente e apparentemente affidabile per poi ritrovarsi con delle azioni che smettono di pagare la cedola e deprezzate rispetto al prezzo al quale sono state acquistate. Di seguito riportiamo la lista dei 15 titoli con dividend yield (calcolato sui dividendi staccati negli ultimi 12 mesi) più elevato tra quelli che soddisfano i nostri criteri di scelta.



 

Basf
Basf è la più grande azienda chimica del mondo e compete in quasi tutte le principali categorie di prodotto. Circa la metà delle vendite viene generata in Europa, anche se gli investimenti si concentrano in gran parte sui mercati emergenti a crescita più elevata, e i mercati finali sono ampiamente diversificati tra i settori industria, energia, trasporti, beni di consumo e agricoltura. L’azienda tedesca è entrata recentemente nel settore delle sementi attraverso l’acquisizione delle attività cedute da Monsanto nell’ambito dell’operazione di fusione con Bayer e, nonostante non siano previste sinergie di costo, gli analisti ritengono che BASF abbia colto con successo una rara opportunità di acquisire massa critica nell'attraente mercato dei semi.

L’azienda è sempre riuscita ad aumentare la cedola a favore degli azionisti negli ultimi cinque anni. Inoltre, il titolo offre un dividend yield dell’8% ed è scambiato a un tasso di sconto di oltre il 30% rispetto al fair value di 62 euro (report aggiornato al 27 luglio 2022). 

Zurich Insurance Group
Zurich Insurance Group è una compagnia assicurativa attiva nelle divisioni danni e vita, nonché servizi per le aziende del settore agricolo. Gli analisti di Morningstar riconoscono a Zurich Insurance un Economic moat nella misura di medio per via della sua specializzazione nelle linee di prodotto meno standardizzate come la copertura di rischi speciali, o che vengono incontro ad esigenze di attività o settori economici particolari. In questo modo l’azienda riesce a sfuggire alla necessità di fare concorrenza sul prezzo e a ricavare margini di profitto superiori alla media del settore.

La stima del fair value di 500 franchi svizzeri si traduce in una valutazione dell’azienda pari a 14 volte gli utili attesi per il 2022. Al momento il titolo è scambiato a un tasso di sconto del 15% e offre uno yield del 5,13%. 

Holcim
La fusione tra Lafarge e Holcim nel 2015 ha dato vita al più grande produttore di materiali da costruzione e ha permesso a quest’ultima di guadagnare una significativa esposizione ai mercati emergenti. Gli analisti giudicano positivamente le operazioni di disinvestimento e di taglio dei costi messe in atto dal management in seguito all’acquisizione, perché hanno consentito ad Holcim di rafforzare il bilancio e proteggere i migliori margini di profitto. Le prospettive per il settore sono incoraggianti: la ripresa di grandi progetti infrastrutturali e degli investimenti rimasti in stand-by durante la pandemia ha prodotto un forte surplus della domanda rispetto all’offerta di molti materiali che si è tradotto in un aumento significativo del loro prezzo.

Il titolo è scambiato a un tasso di sconto del 20% rispetto al fair value di 56 franchi svizzeri e offre agli azionisti un dividend yield del 4,94%.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Iscriviti alle newsletter Morningstar.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Basf SE41,65 EUR1,72Rating
Holcim Ltd42,08 CHF2,04Rating
Zurich Insurance Group AG403,30 CHF0,98Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia