Criptovalute in caduta libera dopo lo stop ai riscatti su diverse piattaforme

Binance ha seguito Celsius nella decisione di sospendere i riscatti, scatenando il panico online e facendo crollare anche monete come Ether e Dogecoin.

Ollie Smith 13/06/2022 | 16:09
Facebook Twitter LinkedIn

Bitcoin

La piattaforma di trading di criptovalute Celsius ha sospeso le vendite e gli swap questa mattina, alimentando un più ampio crollo dei prezzi delle criptovalute in tutto il mondo. Successivamente, Binance ha preso la stessa decisione, citando motivi tecnici.

Il prezzo del Bitcoin ha imboccato da tempo una traiettoria discendente, perdendo finora il 50% nel 2022. Tuttavia, le cose hanno iniziato a precipitare il 9 giugno, quando il valore di una singola moneta è sceso sotto il livello di 30 mila dollari. Alle 4 pm BST (British summer time), era sceso a 22.802 dollari, con un calo di circa il 14% nella giornata.

Anche altre monete sono state colpite dal sentiment negativo. Il 9 giugno Ether era scambiato a 1.786 dollari, ma ora è a 1.198 dollari. Dogecoin, considerato da alcuni un meme e da altri "un problema di salute pubblica", è scambiato a soli cinque centesimi. L'implosione di Terra nelle ultime settimane ha innescato una fase di alta volatilità nelle criptovalute, come testimoniano le peggiori performance degli ETF europei a maggio.

Il memo alla comunità di Celsius
In un post sul blog, contrassegnato come "un promemoria per la comunità di Celsius", pubblicato questa mattina, Celsius ha dichiarato di aver sospeso il trading sulla sua piattaforma a causa della volatilità del mercato.

“A causa delle condizioni estreme del mercato, oggi annunciamo che Celsius sospende tutti i riscatti, gli swap e i trasferimenti tra conti. Stiamo adottando questa azione oggi per mettere Celsius in una posizione migliore per onorare, nel tempo, i suoi obblighi”, si legge nella nota.

“Agire nell'interesse della nostra comunità è la nostra massima priorità. Per rispettare questo impegno e per aderire al nostro sistema di gestione del rischio, abbiamo attivato una clausola nelle nostre Condizioni d'uso che consentirà lo svolgimento di questo processo. Celsius possiede asset di valore e stiamo lavorando diligentemente per rispettare i nostri obblighi”.

"Stiamo adottando questa azione per il bene di tutta la nostra comunità, al fine di stabilizzare la liquidità e le operazioni mentre adottiamo misure per preservare e proteggere gli asset. Inoltre, i clienti continueranno ad accumulare premi durante la pausa, in linea con il nostro impegno nei confronti dei clienti”.

Panico nella comunità di investitori in criptovalute
Danni Hewson, analista finanziario presso AJ Bell, osserva scene impressionanti all'interno della comunità Internet delle criptovalute.

“Quando si legge che i numeri delle linee telefoniche per i suicidi sono messi sul sub-Reddit di Terra, dopo che gli utenti hanno condiviso sul forum le loro storie strazianti, non si può fare a meno di commuoversi”, afferma.

“Il crollo di Terra si è ripercosso su altre criptovalute, tra cui il Bitcoin, sceso ai minimi da 16 mesi. Si parla molto di aumentare la regolamentazione del settore, ma per coloro che hanno perso ciò che non potevano permettersi di perdere è troppo tardi. Si prevede che la volatilità del mercato rimarrà nel prossimo futuro ed è difficile non fare mosse improvvise, ma la storia insegna che al rialzo segue il ribasso e a volte la mossa giusta è non muoversi”.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Ollie Smith  è editor di Morningstar UK