Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

DWS in difficoltà per le accuse di greenwashing: ecco perché

È una storia infinita, culminata la scorsa settimana con l'irruzione negli uffici e la successiva sostituzione dell’amministratore delegato di DWS. Per ora, Morningstar mantiene le sue valutazioni.

Antje Schiffler 06/06/2022 | 12:30
Facebook Twitter LinkedIn

sospetti

Sono settimane turbolente per DWS. Martedì 31 maggio la polizia tedesca ha fatto irruzione nella sede di Deutsche Bank e nella sua filiale di asset management, DWS. Il giorno dopo, DWS ha annunciato che il suo amministratore delegato, Asoka Wöhrmann, si sarebbe dimesso.

L'ufficio del pubblico ministero di Francoforte ha dichiarato che l'irruzione di martedì era basata sul sospetto di frode negli investimenti. “Il procedimento è rivolto a dipendenti e manager di DWS finora sconosciuti”, ha dichiarato a Morningstar il procuratore senior, Nadja Niesen. L’irruzione è stata condotta da circa 50 persone, tra cui pubblici ministeri, funzionari dell'autorità di vigilanza finanziaria BaFin e della polizia federale. 

Da tempo si sospetta che l'asset manager non sia particolarmente scrupoloso in materia di ESG. La whistleblower ed ex responsabile della sostenibilità, Desiree Fixler, ha fatto partire il tutto lo scorso agosto, segnalando le sue preoccupazioni alle autorità statunitensi. Secondo Fixler, DWS aveva erroneamente dichiarato che miliardi di asset in gestione includevano criteri ESG, mentre in realtà non lo facevano. 

Sono seguite indagini negli Stati Uniti e in Germania. “Dopo un esame, sono emersi sufficienti indizi del fatto che, contrariamente alle informazioni contenute nei prospetti di vendita dei fondi DWS, i criteri ESG sono stati effettivamente presi in considerazione solo in una minoranza di investimenti, ma non in un largo numero ‘frode di prospetto’”, ha dichiarato il procuratore.

Greenwashing: quali sono i fondi DWS coinvolti?
Non è ancora chiaro quali fondi siano oggetto di indagine. L'ufficio del pubblico ministero ha rifiutato di commentare e anche DWS non ha risposto.

“Dalle accuse di Fixler deduciamo che l'indagine è incentrata sui fondi che l'azienda in passato etichettava come ESG integrated, un termine che ha smesso di usare nella sua ultima relazione annuale e che si riferiva a comparti in cui i fattori ESG venivano analizzati insieme ad altri fattori finanziariamente rilevanti, ma in cui i gestori mantenevano la discrezionalità sui risultati ESG", afferma Natalia Wolfstetter, analista di Morningstar.

"Riteniamo che l'integrazione ESG sia diventata una delle principali iniziative strategiche di DWS negli ultimi anni e che l'azienda abbia fatto progressi su diversi fronti, ma resta ancora molto da fare per colmare il divario tra le ambizioni e la realtà. Il Morningstar ESG Commitment Level della società, infatti, è Basic”.

Wolfstetter aggiunge: “Rimaniamo soddisfatti dell'implementazione della sostenibilità nei fondi focalizzati sui fattori ESG sotto la nostra copertura: DWS ESG Dynamic Opportunities, DWS Invest ESG Equity Income e DWS Invest ESG Euro Bonds (Short). Questi fondi sono gestiti secondo gli standard ESG proprietari di DWS, che prevedono esclusioni basate su rating ESG esterni, rating delle emissioni di carbonio e conformità alle norme internazionali. Notiamo, tuttavia, che l'azienda non è stata in grado di confermare se qualcuno dei fondi sostenibili faccia parte dell'indagine più ampia”.

Hoops è il nuovo amministratore delegato
DWS e Deutsche Bank, che ne detiene la maggioranza, hanno mantenuto un riserbo sull'indagine. La società di gestione ha dichiarato che le indagini riguardano “dipendenti sconosciuti” in relazione alle accuse di greenwashing.

Tuttavia, l'azienda di Francoforte ha tratto una conclusione: era necessario un cambio di leadership. Di conseguenza, ha sostituito il CEO Wöhrmann con Stefan Hoops, attuale capo della Deutsche Corporate Bank, a partire dal 10 giugno. 

Wöhrmann è un personaggio controverso da tempo. In particolare, lo è il suo stretto legame con Daniel Wruck, un uomo d'affari di Francoforte nelle cui società DWS e Deutsche Bank hanno investito, presumibilmente su sollecitazione dello stesso Wöhrmann. Con riferimento a questi eventi, pare che lui comunicasse in parte da un account di posta elettronica privato, il che, se fosse vero, costituirebbe una violazione della compliance. Ci sono state anche accuse di riciclaggio di denaro per una transazione privata di auto sportive tra i due. 

Non sorprende che le azioni di DWS siano crollate martedì 31 maggio e mercoledì 1° giugno in seguito all'evolversi degli eventi.  

Si tratta di una battuta d'arresto del settore?
Il greenwashing è considerato un problema di tutto il settore, anche perché non c'è ancora un consenso su quali debbano essere i criteri ESG. È troppo presto per dire se ci saranno altri casi come quello di DWS. Tuttavia, questo potrebbe essere un campanello d'allarme per i gestori patrimoniali, che potrebbero sentirsi fortemente tentati di dare un'occhiata più da vicino ai prospetti dei loro fondi.

“Il greenwashing è un problema del settore ESG che va indagato, ma il caso di DWS sembra essere estremo. Non credo che questa vicenda metta in discussione tutti i prodotti sostenibili, ma solleva il dibattito sia pubblicamente che tra gli intermediari e le autorità di regolamentazione. A lungo termine, questo è certamente un passo positivo per il settore”, ha dichiarato Niklas Kammer, analista azionario per le banche europee di Morningstar.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
DWS Invest ESG Dynamic Opports PFC119,52 EUR0,40Rating
DWS Invest ESG Equity Income ND109,78 EUR-0,07
DWS Invest ESG Euro Bonds (Short) TFD90,24 EUR-0,01Rating

Info autore

Antje Schiffler  è Editor di Morningstar in Germania