Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Cosa ci dicono le trimestrali americane?

Il comparto energia è in salute, soffrono invece i tecnologici. Morningstar ha tagliato il fair value di Amazon, Meta e Netflix.

Francesco Lavecchia 03/05/2022 | 14:19
Facebook Twitter LinkedIn

question mark

C’è un’attesa particolare per i numeri del primo trimestre delle società americane. Gli investitori si aspettano delle risposte su interrogativi importanti:
- Che impatto sta avendo il conflitto in Ucraina sul business.
- Quanto sono state efficaci le misura intraprese dalle aziende per limitare gli effetti dell’inflazione.
- Quali effetti ha prodotto l’allentamento delle misure restrittive imposte dalla pandemia e il ritorno alla vita pre-Covid.

Cosa dicono i numeri
La risposta, in numeri, è stata molto positiva: delle 275 società dell'S&P 500 che hanno riportato i dati del primo trimestre al 29 aprile, l'80,4% ha realizzato risultati superiori alle stime degli analisti.

In base al consensus del mercato, otto degli 11 settori rappresentati nell'indice prevedono un miglioramento degli utili rispetto al primo trimestre del 2021 e i comparti dell’energia e delle materie prime sono quelli da cui sono attesi i tassi di crescita più elevati. Le aspettative per il settore finanziario erano le più basse, in termini di crescita rispetto allo scorso anno, ma i numeri riportati fino ad ora si sono dimostrati mediamente superiori dell'11,7% rispetto a quanto previsto dalle stime degli analisti. A stingere gli utili degli istituti di credito è stata soprattutto la forte riduzione delle riserve anti-crisi per la copertura dei prestiti, mentre le banche d’affari hanno beneficiato dell’incremento delle commissioni da trading e investment banking prodotte dall’aumento della volatilità sui mercati e delle operazioni di M&A.

Deludono i tecnologici
A deludere, invece, sono state le Big del Nasdaq: Amazon ha sofferto l’effetto dell’inflazione sul costo del lavoro e delle spese di spedizione e i margini di profitto registrati nel primo trimestre sono stati ampliamente sotto le attese. Anche la profittabilità di Netflix stenta a carburare, ma nel suo caso il problema è stato il calo delle sottoscrizioni, frutto dell’allentamento delle restrizioni della pandemia che ha permesso a milioni di persone di ritornare a popolare cinema, teatri e concerti. Mentre i timori del management di Meta sono legati alla decelerazione della crescita dei ricavi pubblicitari. Per tutti e tre i titoli gli analisti di Morningstar hanno provveduto a rivedere i loro modelli di stima e a tagliare il fair value.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Azioni Analisi e Strategie

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Amazon.com Inc89,14 USD-1,34Rating
Meta Platforms Inc Class A116,69 USD1,18Rating
Netflix Inc325,03 USD4,76Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia