Titoli della difesa europei in rialzo in vista dell’aumento della spesa militare

Mentre i governi europei rivelano piani per aumentare la spesa militare, i titoli aerospaziali e della difesa della regione salgono.

Lukas Strobl 28/02/2022 | 15:17
Facebook Twitter LinkedIn

Difesa

Nei giorni successivi all'attacco della Russia all'Ucraina di giovedì scorso, i titoli della difesa hanno sovraperformato tra le aspettative che un contesto di pericolo maggiore avrebbe portato all’aumento della spesa militare nella regione. In effetti, nel fine settimana, la Germania si è impegnata a spendere 100 miliardi di euro in più - circa il doppio del suo budget annuale per la difesa - mentre il Regno Unito e altri si sono impegnati in modo meno specifico ad aumentare la spesa.

La notizia ha messo il turbo ai titoli aerospaziali e della difesa. Il produttore di sensori Hensoldt (HAG, +45%) ha guidato i rialzi nella tarda mattinata di lunedì 28 febbraio e anche altri nomi del settore come Rheinmetall (RHM, +29%), Leonardo (LDO, +15%), Thales (HO, +13%) e Chemring (CHG, +13%) si sono messi in luce.

Le previsioni degli analisti
“L'aumento della spesa per la difesa della Germania beneficerà la maggior parte degli operatori europei del settore e potrebbe portare a un aumento pluriennale delle prospettive di crescita per queste aziende”, afferma Joachim Kotze, analista di Morningstar, in una nota del 28 febbraio. “Anche se è ancora presto ed è molto difficile da quantificare l'impatto esatto, ci aspettiamo di fare una revisione positiva delle nostre previsioni. Tra i nomi della difesa pure-play, Thales, Dassault (AM)e Leonardo sono scambiati a sconto rispetto alle nostre stime di fair value, mentre BAE Systems è scambiata a premio. Non crediamo che le nostre revisioni cambieranno di molto questa classifica e la nostra preferenza va a Thales e Dassault”.

“Crediamo che la situazione favorisca il settore della difesa europea e pensiamo che Rheinmetall sia il più grande beneficiario sia a breve che a medio termine”, hanno scritto gli analisti di Berenberg, Ross Law e George McWhirther in una nota del 28 febbraio. “Airbus, BAE Systems, MTU Aero Engines e Dassault Aviation dovrebbero avvantaggiarsi per la loro esposizione ai programmi di difesa”.

Berenberg prevede potenziali sviluppi nei progetti di difesa nella regione, tra cui l’Eurodrone di Airbus (AIR, -1,8%) e Dassault Aviation (+9%) e il FCAS (Future compact air system) per i caccia di sesta generazione. Gli analisti pongono l’accento anche sui commenti fatti dal cancelliere tedesco, Olaf Scholz, che sembrano mettere l'F-35 della Lockheed Martin (LMT, +3.5% in premarket) di nuovo in lizza per la sostituzione del Tornado in Germania. Il precedente governo tedesco aveva escluso l'F-35 a favore dell'F/A-18 della Boeing (BA, -0,3% nel premercato).

Gli analisti di Berenberg “credono che le maggiori minacce faranno rivedere al rialzo le previsione di spesa per la difesa dei membri della NATO, in particolare in quei paesi che non riescono a soddisfare l'obiettivo di spesa annuale del 2%”. Pensano che altri paesi potrebbero essere spinti a seguire l'esempio della Germania.

Aviazione civile vulnerabile
I titoli con una più ampia esposizione all'aviazione civile hanno sottoperformato i nomi della difesa pura, penalizzati dalle chiusure dello spazio aereo che hanno sconvolto le rotte popolari tra l'Europa e l'Asia orientale. Inoltre, l’Ue ha vietato la vendita di aerei e pezzi di ricambio alle compagnie aeree della Russia. Secondo il sito web della compagnia di bandiera Aeroflot, i modelli Airbus rappresentano il 63% della sua flotta.

Secondo gli analisti di Morningstar, il settore del trasporto aereo civile sarà impattato dalle restrizioni e dalla diminuzione dei viaggi verso l'est Europa, ma il comparto dovrebbe avere gli strumenti per mitigarne gli effetti e quindi non sarà troppo penalizzato nel lungo periodo. "Non prevediamo alcun cambiamento strutturale delle loro prospettive e quindi per il momento non modifichiamo le nostre stime sul fair value", dice Kotze. "Manteniamo la nostra preferenza per i titoli Safran (SAF) e Wizz Air (WIZZ) tra quelli che copriamo". Quest'ultima è la più esposta ai mercati del centro ed est Europa. Tra gli altri grandi operatori, Air France-KLM (AF) e Lufthansa (LHA) sono tra i maggiori utilizzatori dello spazio aereo russo per raggiungere le loro destinazioni in Asia. 

Aggiornamento a cura di Sara Silano, Editorial manager di Morningstar.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Air France-KLM1,11 EUR1,56Rating
Airbus SE92,66 EUR3,62Rating
Boeing Co136,31 USD-1,01Rating
Chemring Group PLC314,00 GBX1,13
Dassault Aviation SA138,30 EUR1,10Rating
Deutsche Lufthansa AG2.276,00 HUF0,00
Hensoldt AG Ordinary Shares22,15 EUR4,98
Leonardo SpA Az nom Post raggruppamento9,25 EUR2,05Rating
Lockheed Martin Corp425,89 USD2,56Rating
Thales115,95 EUR3,80Rating
Wizz Air Holdings PLC1.715,50 GBX1,21Rating

Info autore

Lukas Strobl  è editorial manager EMEA di Morningstar.