Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Emergenti, l’India si è sgonfiata?

Le azioni del paese stanno mostrando un andamento diverso da quello del 2021. Ma, dicono i portfolio specialist di Morningstar, ci sono buoni motivi per non farle uscire dal radar degli investimenti.  

Marco Caprotti 10/02/2022 | 10:49
Facebook Twitter LinkedIn

emergenti picture

L’azionario indiano è stato un fuoco di paglia? L’indice Morningstar India da inizio anno ha perso il 2,4% (fino all’8 febbraio e in euro). Nello stesso periodo il paniere EM ha segnato -1,4% e quello Global Markets -4,9%.

La fotografia è molto diversa da quella scattata nel 2021, quando il paniere India ha guadagnato più del 40% lasciandosi abbondatemente alle spalle sia quello globale (+26,7%), che quello relativo agli emergenti (+7,23%).

Indici Morningstar India, Global Markets ed EM a confronto

Dati in euro
Fonte: Morningstar Direct

Dal punto di vista delle valutazioni di Borsa, attualmente secondo il Morningstar Global Market Barometer, l’azionario indiano è correttamente valutato rispetto al rapporto Price/Fair value (relativamente alle stock coperte dall’analisi Morningstar. Dato in valuta locale aggiornato all’8 febbraio 2022). 

“A nostro avviso, le azioni indiane nei mesi scorsi hanno beneficiato delle aspettative di una ripresa economica”, spiega Dhaval Kapadia, Director e Portfolio Specialist di Morningstar Investment Advisers India. “Se osserviamo i numeri del Pil, si prevede che l'India supererà i livelli pre-pandemia entro la fine dell’esercizio 2022 (che si chiude a marzo, Ndr)”.

Secondo il ministro indiano dell’economia, Pankaj Chaudhary, il dato dovrebbe essere a +9,2%. Tecnicamente, ha aggiunto, la congiuntura passerebbe da una fase di ripresa a una espansiva.

Come in altre aree del mondo, c’è poi da considerare l’inflazione. I prezzi al consumo, secondo l’Ufficio nazionale indiano di statistica, a dicembre 2021 sono aumentati del 5,6%, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I dati più aggiornati su questo fronte arriveranno all’inizio della prossima settimana.

Meglio le Large cap
“Quando si parla di società indiane ci sono fattori di buon auspicio da tenere in considerazione, come la spesa in conto capitale (i soldi che un’azienda spende per acquistare, mantenere o migliorare edifici, veicoli, attrezzature o terreni e possono indicare una fase di potenziale crescita di una società, Ndr) e il miglioramento delle esportazioni (i dati di gennaio sono attesi settimana prossima, Ndr)” dice Kapadia. “Questi elementi aiuteranno le società a migliorare i propri utili alimentando un rialzo dei mercati azionari. Le valutazioni di mercato indicano una minore allocazione azionaria e un posizionamento, nel complesso, più difensivo. Ma la ripresa economica è dignitosa e i profitti aziendali stanno aumentando rapidamente”.

A livello di capitalizzazione di mercato, il portfolio specialist preferisce le Large cap rispetto alle Mid e Small cap. “Siamo sottoponderati in questi due segmenti a causa dei timori sulle valutazioni”, dice Kapadia.

Nella tabella in basso sono elencati 5 fondi Azionari India che hanno la maggior presenza netta di Large cap in portafoglio. 

I fondi azionari India che hanno più Large cap in portafoglio
  

Fonte: Morningstar Direct

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi sui mercati emergenti

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.