Il Bitcoin non è (per ora) il nuovo oro

Inflazione ed eventuali turbolenze sui mercati azionari potrebbero spingere l’oro nel 2022, nonostante il possibile rialzo dei tassi americani, spiega Maurizio Mazziero. La criptovaluta è troppo giovane e volatile per sostituire il metallo giallo come riserva di valore. 

Valerio Baselli 24/01/2022 | 09:31
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

L’anno passato è stato difficilmente comprensibile per gli investitori in oro. L’inflazione è stato uno dei temi principali, eppure il metallo giallo non ha avuto lo slancio che ci si poteva attendere. Come mai?

Ora, alla luce anche del cambio di politica monetaria da parte della Federal Reserve, quali sono le prospettive dell’oro per il 2022?

Secondo alcuni osservatori, possiamo anche citare una recente analisi a cura di Goldman Sachs, indicano il Bitcoin come nuova riserva di valore al posto proprio dell’oro. È uno scenario plausibile?  

Ne abbiamo parlato con Maurizio Mazziero, fondatore della Mazziero Research.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.