L’energy corre. Ma in Borsa restano delle opportunità

Il progresso delle vaccinazioni e la diminuzione dell’offerta, dicono gli analisti di Morningstar, fanno salire il prezzo del petrolio e dei titoli legati alla commodity. Tuttavia, aggiungono, ci sono ancora delle sacche di valore da sfruttare.

Marco Caprotti 06/07/2021 | 11:11
Facebook Twitter LinkedIn

pozzi di petrolio

 

Il settore energy corre in Borsa. Ma, dicono gli analisti di Morninstar, nel comparto esistono ancora sacche di opportunità che vale la pena sfruttare. Soprattutto in un momento in cui la domanda di petrolio è prevista in crescita con potenziali effetti positivi sulle quotazioni dei titoli dedicati alla materia prima.

L’indice Morningstar Global Energy da inizio anno (fino al 5 luglio e in euro) ha guadagnato +35,7% (33,7% nel semestre chiuso a fine giugno). Da gennaio il paniere Global Markets ha segnato +16,6% (+15,8% in sei mesi).

Indici Morningstar Global Energy e Global Markets da inizio anno
grafico energy
Dati in euro aggiornati al 5 giugno 2021
Fonte: Morningstar Direct

Radar su vaccini e produttori
Per capire quali saranno le dinamiche di sviluppo del settore del petrolio bisogna tenere in considerazione due elementi.

Il primo è l’andamento del Coronavirus. “La variante delta del COVID-19 è una nuova sfida, ma non ci aspettiamo che soffochi la ripresa a livello globale”, spiega Dave Meats, analista di Morningstar. “L'epidemia in India si sta attenuando dopo il picco di maggio e crediamo che il trend sia in miglioramento. Nel frattempo, le vaccinazioni di massa nei mercati sviluppati continuano a fornire  la base necessaria per una piena ripresa della domanda di petrolio entro il 2022”.

Il secondo elemento da tenere in considerazione è l’atteggiamento dei produttori di oro nero. Durante la riunione del primo giugno, l'Opec (il cartello dei paesi estrattori) ha confermato che andrà avanti con modesti aumenti nei volumi di produzione: rispettivamente 350 e 450 milioni di barili a giugno e luglio (il che significa che il gruppo continuerà a non estrarre almeno 2 milioni di barili al giorno rispetto alla media). Nel frattempo i produttori di scisto statunitensi, che storicamente hanno colmato le produzioni mancate dell’Opec, si sono rifiutati di investire in nuovi progetti per avvantaggiarsi dei prezzi più alti dando la priorità alla distribuzione di denaro ai propri azionisti.

“L’implementazione dei vaccini di massa nei paesi sviluppati è il principale elemento per vedere una crescita della richiesta su base annua di 5,1 milioni di barili al giorno nel 2021”, dice l’analista. “Le nostre stime aggiornate della domanda per quest’anno e per il 2022 sono rispettivamente di 96,2 milioni di barili al giorno e 100,4 milioni di barili al giorno. Mentre siamo ottimisti sui miglioramenti della domanda, abbiamo qualche perplessità su una crescita dell’offerta”.

Andamento domanda mondiale di petrolio
domanda petrolio
Fonte: Morningstar Direct

Per quanto riguarda le quotazioni del barile le stime di Morningstar per la qualità West Texas parlano di 55 dollari nel medio termine. “Le valutazioni oggi sono più alte e non possiamo escludere che, nel breve periodo, il calo dell’offerta porti a nuove impennate dei prezzi”, dice l’analista.

Qualche opportunità in Borsa
Dal punto di vista borsistico vale sempre il suggerimento di muoversi con una certa cautela ,anche a causa della forte volatilità che, storicamente, contraddistingue la commodity e i titoli correlati.

“In generale, comunque, nonostante il rally che abbiamo visto fino a oggi, i titoli del comparto energy sono valutati correttamente, con un rapporto price/fair value pari a 1”, dice l’analista. “Esistono però opportunità in tutti i segmenti. In particolare in quello dei servizi e degli integrated oil, che trattano con uno sconto rispettivamente del 29% e del 10%. Il comparto esplorazione e produzione è sopravvalutato, in media, dell'8%, anche se all’interno di questo gruppo è possibile trovare ancora una manciata di titoli con un rating di 4 stelle”.

Le valutazioni nei settori dell’energy
valutazioni energy
Fonte: Morningstar Direct

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai nella sezione Azioni per altre analisi sull'equity

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.