L’Europa sotto la lente ESG

Il livello di rischio legato alla sostenibilità è medio-basso. Real estate, tecnologia e telecom sono i settori più virtuosi. L’energia è l’unico comparto a preoccupare.

Francesco Lavecchia 16/06/2021 | 08:25
Facebook Twitter LinkedIn

esg

I risultati pubblicati recentemente sul Sustainability Atlas del 2021 dimostrano come l’Europa sia la regione più virtuosa quando si parla di sostenibilità, grazie soprattutto al contributo di paesi come Olanda, Francia e Finlandia. Ma al suo interno, com’è la situazione dei diversi settori? Abbiamo provato a misurare il rischio ESG dei diversi comparti applicando il Sustainalytics ESG Risk Score alle stock che compongono i panieri degli indici settoriali Morningstar DM Europe, pesando il punteggio di ogni singola azione con lo stesso peso che gli viene attribuito all’interno del benchmark.

Come interpretare l'ESG Risk Score 
Il Sustainalytics ESG Risk Score misura il grado in cui il valore economico di un'azienda può essere a rischio a causa di problemi di natura ambientale, sociale e di governance. Per essere considerata rilevante, ai fini di questa valutazione, una problematica di sostenibilità deve avere un impatto potenzialmente rilevante sul valore economico di un'azienda e di conseguenza sul profilo di rischio/rendimento di un investimento nella stessa. Questo spiega che perché i parametri considerati per esprimere il giudizio sulle società variano da settore a settore. Il Sustainalytics ESG Risk Score quantifica l’esposizione al rischio ESG restante dopo aver tenuto conto di tutte le misure adottate dall’azienda per la gestione di tali problematiche. Questo rating è espresso su una scala che va da 0 a 100. Un punteggio compreso tra 0 e 9,99 indica un rischio ESG trascurabile, tra 10 e 19,99 un rischio ESG basso, tra 20 e 29,99 un livello medio, tra 30 e 39,99 un livello alto, un punteggio da 40 in su un rischio ESG grave.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Visita il nostro sito dedicato ai servizi e alle soluzioni di ricerca e selezione fondi.

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies