Perché non festeggiare l’aumento di donne nei Cda

Le imprese con una donna nel ruolo di amministratore delegato rappresentano poco più del 2% della capitalizzazione di Piazza Affari. Con il Covid-19, il divario occupazionale di genere è aumentato in Italia più che in Europa. E ora i rischi derivanti da questioni di diversità, equità e inclusione minacciano il valore delle aziende.

Sara Silano 15/04/2021 | 00:23
Facebook Twitter LinkedIn

Donne in finanza

A fine 2020, la presenza di donne negli organi sociali delle aziende quotate a Piazza Affari ha raggiunto quasi il 39% degli incarichi di amministrazione e controllo. A dirlo è il Report annuale della Consob sulla corporate governance delle società quotate, presentato il 6 aprile.

Nel dettaglio, 76 delle aziende che hanno rinnovato il consiglio di amministrazione (Cda) l’anno scorso, hanno in media quattro donne, pari al 42,8% del totale. Si tratta di “un massimo storico”, si legge nel rapporto, che riflette la prima applicazione della legge n.160/2019 che ha previsto di riservare al genere meno rappresentato i due quinti del board per sei rinnovi a partire dal 2020. E’ una quota maggiore rispetto a quella di un terzo prevista dalla legge Golfo-Mosca (n.120/2011).

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Vai alla sezione Morningstar dedicata agli investimenti sostenibili.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies