Chi ha vinto nel rally di novembre?

Tra le stock Large Cap del Vecchio continente volano le quotazioni di finanziari ed energetici, mentre l’healthcare è stato il settore peggiore. A Piazza Affari l’unico segno negativo lo ha fatto registrare Diasorin.

Francesco Lavecchia 24/11/2020 | 16:22
Facebook Twitter LinkedIn

Arrow up article 2020

Le Borse mondiali hanno festeggiato la notizia dei primi vaccini contro il Covid-19. Nelle ultime tre settimane di contrattazioni i listini globali hanno guadagnato poco meno del 10%. Nel Vecchio continente, che nel complesso ha registrato un +14% (in euro), Piazza Affari è stata la Borsa migliore salendo di oltre 20 punti percentuali. Mentre Wall Street ha sottoperformato fermandosi sotto quota 9% (vedi Figura 1).

Figura 1: Mercati a confronto
Fig 1confrontoindici 2

I settori ciclici si prendono una rivincita
Ma quali sono i settori che hanno tratto maggior vantaggio dall’euforia dei listini? Focalizzando l’attenzione sui titoli a maggior capitalizzazione di mercato si nota come le aspettative circa la disponibilità a breve di un vaccino abbia proiettato gli operatori verso la fine della fase peggiore della recessione e abbia di conseguenza spinto i settori maggiormente legati al ciclo economico come energia, finanza e consumer ciclici.

In Europa, tra le prime 20 stock per rendimento 12 appartengono al settore finanza e a farsi notare sono state in particolare le banche spagnole con Banco Bilbao Vizcaya Argentaria, Banco Santander SA e CaixaBank SA, che hanno realizzato guadagni ampiamente superiori al 40%, e i gruppi finanziari transalpini come Societe Generale, BNP Paribas, AXA SA e Credit Agricole SA.

Il settore beni di consumo ciclici è stato trainato dai titoli dei comparti auto e retail. Le case automobilistiche tedesche Daimler, BMW, Volkswagen e Porsche hanno guadagnato più di 20 punti percentuali, mentre tra le stock del segmento retail hanno brillato Cie Financiere Richemont, Inditex e la svedese H&M. Tuttavia, a registrare i risultati migliori sono stati i titoli energetici, con Total, Eni e Royal Dutch Shell che hanno guadagnato tutte oltre il 30%.

In coda alle performance delle azioni a larga capitalizzazione si collocano quelli del comparto salute. In media il loro rendimento è stato il più basso e nella Top 5 dei peggiori ribassi ben tre riguardano titoli healthcare (Sartorius Stedim Biotech, BioMerieux e Diasorin SpA) con perdite superiori al 7%. Non stupisce, inoltre, il comportamento di Just East Takeaway. La società di food delivery sta fortemente beneficiando del periodo di lockdown e ora che si prefigura un possibile ritorno alla normalità le sue azioni sono state oggetto di forti vendite sul mercato (-8,12%).

Diasorin in coda alle Large Cap di Piazza Affari
Il comportamento delle azioni quotate su Piazza Affari è stato sostanzialmente in linea con quelle del Vecchio continente. A guidare i rialzi è stata Eni, con un +38,58%, seguita dai finanziari Unicredit, Intesa Sanpaolo e Generali, mentre i guadagni dei titoli consumer cyclical sono state trainati da FCA e Ferrari. L’unico segno negativo tra le Large Cap di Borsa Italiana riguarda la società farmaceutica Diasorin che ha ceduto quasi l’8%.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi gli articoli della categoria Azioni Analisi e Strategie

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia