Perché gli emergenti stanno per superare il resto del mondo

I paesi in via di sviluppo, dicono gli operatori, possono contare sulla ripresa del prezzo del petrolio e sulle manovre delle aree developed. E, aggiungono, sono abituati alle situazioni di crisi.

Marco Caprotti 24/06/2020 | 16:47
Facebook Twitter LinkedIn

I mercati emergenti corrono e, cercando di dimenticare la pandemia Coronavirus, tentano di doppiare i global market. Nell’ultimo mese (fino al 23 giugno e calcolato in euro), l’indice Morningstar Emerging market ha segnato +8,21% (-9,3% da inizio anno e +20,3% nel 2019) contro il +4,37% del paniere dedicato ai mercati globali (-6,4% da gennaio e +28,5% l’anno scorso).

Indici Morningstar EM e Global Markets a confronto da inizio anno
emer2

Dati in euro aggiornati al 23 giugno 2020
Fonte: Morningstar Direct

Il risultato del paniere emerging è sostanzialmente in linea con quello della categoria Morningstar dedicata ai fondi che investono sull’azionario dei paesi in via di sviluppo.

“Il mercato emerging ha continuato a crescere sostenuto da alcuni fattori positivi”, dice  Francesco Lomartire, responsabile di Spdr Etfs per l’Italia.

-I prezzi del petrolio hanno registrato un notevole rimbalzo, con i future sul Brent in rialzo di oltre il 75% rispetto ai minimi di aprile. “Pur essendo ancora bassi rispetto ai livelli storici, questi guadagni hanno alleviato la pressione sulle nazioni produttrici di petrolio e potrebbero essere di sostegno per quelle che presentano un elevato debito denominato in dollari”, dice Lomartire.

-Molte parti dell’Asia iniziano a riaprire dopo l’emergenza pandemia, così come l’Europa orientale. Per quanto riguarda il Vecchio continente, dove gli stati developed sono i mercati di accesso per le aree emerging della regione, si potrà fare affidamento sul sostanzioso pacchetto di sovvenzioni fornito dall’Ue.

-Le deboli pressioni inflazionistiche a breve termine nei mercati emergenti. “Queste sono dovute al calo dei prezzi del petrolio e consentono alle banche centrali di ridurre ulteriormente i tassi”, dice Lomartire.

A tutto questo va unito il fatto che il mercati emergenti, da sempre, sono abituati ad avere a che fare con situazioni difficili. “Molti hanno imparato dalle crisi precedenti a rafforzare e riposizionare le loro economie e sono oggi più solidi di quelli sviluppati a livello di debito governativo, societario e delle famiglie”, spiega un report di Franklin Templeton. “Nei mercati emergenti, il rapporto fra debito e prodotto interno lordo si attesta intorno al 50%, ossia la metà circa di quello dei mercati sviluppati”.  

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi sui mercati emergenti

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.