Strategie sui dividendi per difendersi dai ribassi

Nelle fasi di volatilità, dicono gli analisti di Morningstar, le azioni che staccano le cedole possono offrire uno scudo. Gli strumenti che puntano sull’aumento del dividend yield sono più resistenti. Ma a volte conviene guardare anche a chi di solito paga tanto.

Marco Caprotti 03/06/2020 | 14:27

Hanno ancora senso le strategie che si basano sulla caccia alle società che pagano dividendi? La domanda è pertinente considerando che, ad esempio, negli Stati Uniti (una delle regioni dove storicamente vengono distribuite le cedole più generose) fra fine febbraio e metà maggio circa 235 aziende sparse su 40 dei 69 settori in cui è divisa l’economia Usa hanno annunciato di aver tagliato o sospeso i dividendi e le operazioni di buyback. “Altri tagli sono probabili, specialmente se il rallentamento dell’economia sarà prolungato”, dice Alec Lucas, strategist di Morningstar. “Tuttavia per gli investitori che vanno alla ricerca di income, l’attrattiva degli strumenti che danno dividendo è forte”.

Nel grafico in basso sono stati messi a confronto lo yield a un anno previsto per l’S&P500 con quello del Treasury decennale alla fine di ogni mese tornando indietro fino a novembre 1999. Il differenziale a vantaggio delle azioni ha avuto un picco a marzo 2020, quando il rendimento previsto dell’S&P (2,49%) era 3,55 volte superiore a quello del Tbond. “Anche se nuovi tagli e sospensioni delle cedole riducessero il rendimento dell’equity, il potenziale di crescita di lungo termine dei dividendi e la possibilità di apprezzamento delle valutazioni di Borsa rendono le azioni una scelta vantaggiosa”, dice Lucas.

Rendimento S&P500 e Tbond a 10 anni a confronto
tbond
Fonte: Morningstar Direct e US Department of Treasury

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi dedicate ai mercati

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies