Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Gestione e fondi passivi

RICERCA MORNINGSTAR IN PILLOLE. La stewardship non si riferisce solo agli investitori attivi. Con l'aumentare della quantità di asset nei fondi indicizzati, le società devono assumersi seriamente le responsabilità ESG

24/04/2020 | 12:13
Facebook Twitter LinkedIn

Il modo in cui i player più potenti nel settore finanziario esercitano i propri diritti di controllo come amministratori del capitale ha importanti implicazioni sia per la salute dei mercati dei capitali sia per il pianeta. Nel decennio che ha seguito la crisi finanziaria globale, gli investimenti passivi hanno ridato forma sia al settore dell'asset management sia alla struttura della proprietà aziendale.

Ecco uno sguardo al ruolo che gli asset manager giocano nel movimento di stewardship globale.

Utilizzo ei poteri di voto per promuovere la sostenibilità
Una quantità sostanziale del potere di voto presso le più grandi corporation resta nelle mani dei "The Big Three" asset manager: BlackRock, State Street, Vanguard. Questi asset manager sono i principali perché le strategie di index tracking fund tendono a beneficiare dall'essere i primi "mover" e dal praticare economie di scala.

Dato che collettivamente i Big Three hanno così tanto potere di voto, questi "proprietari globali permanenti" sono in grado di influenzare in modo sostanziale le disposizioni di corporate governance che sono alla base di pratiche di business sostenibili.

E ora più che mai, i grandi istituti finanziari che offrono strategie d'investimento passivo, come I Big Three, hanno maggiori incentivi per farlo. Nello specifico, stanno rispondendo alla crescente domanda degli investitori, oltre alla crescente evidenza del ruolo che i fattori ambientali e sociali giocano nella salute di un portafoglio.

Le normative aiutano a migliorare la stewardship
Secondo le leggi sulla finanza, tanto negli USA quanto nell'UE, gli investitori giocano un ruolo centrale nel monitorare e dare forma alle pratiche di corporate governance. Questa responsabilità degli investitori come proprietari attivi è divenuta parte importante per i regolatori dei mercati finanziari, sulla scia della crisi finanziaria globale del periodo 2007-2008.

Alcuni dei modi in cui la corporate governance è aumentata sono:

  • proliferazione dei codici di gestione per gli accessi;
  • la collaborazione degli investitori sulle iniziative di gestione patrimoniale, in particolare quelle riguardanti le problematiche ambientali e sociali, è diventata più globale e sofisticata;
  • sia gli Stati Uniti sia l'Europa hanno alimentato una normativa di supporto ambientale.

Questi sviluppi pongono grande enfasi sul ruolo della stewardship dei fiduciari degli investimenti. Evidenziano in che modo il voto per delega e il dialogo, o il coinvolgimento, continuativo con i consigli d'amministrazione societari e con il senior management indirizzano la governance dei rischi ambientali e sociali.

Gli asset manager possono essere dei buoni steward?
Un corpus crescente di letteratura accademica analizza se l'ascesa degli investimenti passivi può portare a un maggiore controllo sugli investitori.

Da un lato, questo è possibile perché gli asset manager che offrono fondi passivi:

  • si impegnano a detenere ampie sezioni dei mercati azionari e sono quindi esposti ai rischi sistemici;
  • possono far leva sulle loro ampie partecipazioni azionarie per influenzare le pratiche di corporate governance così da mitigare tali rischi;
  • possono costruire un brand attorno all'azione sulla stewardship sociale e ambientale.

D'altro canto, può non essere così perché gli asset manager passivi:

  • devono far fronte alle pressioni dei costi;
  • sono incentivati a limitare la spesa sulle attività di stewardship globale;
  • possono doversi trovare ad affrontare contraccolpi politici o di business dovuti alla pubblica opposizione al corporate management.

Per ora, la ricerca sulle pratiche di asset stewardship dei Big Three evidenzia che queste potenti istituzioni finanziare potrebbero svolgere maggiormente il proprio ruolo come fiduciari degli investimenti. Storicamente, sono sempre stati elettori passivi: principalmente votavano in linea con le raccomandazioni del management, in particolare sui problemi ambientali e sociali che gli azionisti tendono a delegare.

Quando è il momento di ottenere risultati di governance, i Big Three preferiscono il coinvolgimento o il dialogo con le società oggetto di investimento, piuttosto che i voti per delega. Il coinvolgimento è uno strumento potenzialmente potente, ma poiché viene principalmente utilizzato attraverso le comunicazioni private, è difficile da valutare dalle divulgazioni disponibili. Inoltre, molti obiettano che il coinvolgimento è complementare e non un sostituto del voto attivo.

In che modo la stewardhip può essere efficace
La nostra ricerca ha incluso una revisione dei recenti sviluppi normativi e del codice di stewardship, la ricerca accademica sulla gestione patrimoniale, il modello di successo per l'impegno di collaborazione globale sui cambiamenti climatici, rappresentato dalla coalizione Climate Action 100+.

Queste analisi puntano a due strategie chiave per mobilitare gli investitori passivi:

  • Collaborazione con altri investitori nei coinvolgimenti a tema ESG. Questo avrebbe l'effetto di ridurre il costo della gestione attiva, amplificando l'impatto e aumentando la visibilità dei contributi degli asset manager.
  • Maggiore trasparenza riguardo ai coinvolgimenti. Delle norme più forti in materia di disclosure dei coinvolgimenti permetterebbero agli investitori finali di valutare l'impatto e, di conseguenza, utilizzare la presenza della gestione come fattore nella selezione dei fondi.

Oltre ai Big Three, un numero crescente di grandi asset manager sta facendosi sentire di più circa le necessità di un'azione coordinata degli investitori per accelerare la transizione a un'economia low carbon.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Per maggiori informazioni, scarica il nostro white paper "Asset Managers as Stewards of Sustainable Business"

Clicca qui

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore