Il pianeta malato è anche un rischio finanziario

Quasi un milione di animali e piante è a rischio estinzione. Senza biodiversità non c’è economia. Eppure, ancora poche banche tengono in considerazione questo tema nella concessione di prestiti e nel risk management.

Sara Silano 24/04/2020 | 08:30

“Terricidio” è un termine coniato dal movimento di donne indigene Mapuche (Argentina) per denunciare l’omicidio degli ecosistemi e dei popoli che li abitano, oltre che di tutte le forze che regolano la vita sulla terra, ossia che costituiscono la condizione essenziale per la sopravvivenza di uomini, animali e vegetali. I rischi anche economici, spesso sottovalutati, della perdita di biodiversità sono enormi.

I numeri del degrado
Secondo il Living planet index, una misura dello stato di salute della diversità biologica nel mondo, circa il 60% delle specie vertebrate si sono estinte dal 1970. Inoltre, l’organismo intergovernativo indipendente Ipbes (Intergovernmental science-policy platform on biodiversity and ecosystem services) stima che quasi un milione di animali e piante siano a rischio attualmente. Sul sito delle Nazioni unite dedicato agli Obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) si legge che nonostante qualche segnale di miglioramento, i target 2020 per il goal n. 15 (la vita sulla terra) “è improbabile siano raggiunti, perché il degrado ambientale continua, la perdita di biodiversità è a livelli allarmanti, le specie alloctone (quelle che si trovano a vivere in ambienti diversi dagli originali a causa dell’opera dell’uomo) e il traffico illecito di animali selvatici continua a vanificare gli sforzi di proteggere gli ecosistemi vitali e le specie”. Il tema sembra più che mai di attualità in un momento in cui si cerca di capire l’origine del Covid-19 e la diffusione dell’epidemia in tutto il mondo.

Il Living planet index dal 1979 al 2014

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi tutti gli articoli della Guida finanziaria alla Giornata mondiale della terra

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies