Raccolta fondi, il Covid-19 spinge gli investitori verso porti sicuri

Il mese scorso gli investiori europei hanno ritirato dall’industria dei fondi 287 miliardi di euro, un livello di riscatti mai visto prima. Male tutte le asset class. È salita, invece, la domanda di prodotti esposti all’oro. A fine mese si è notato una leggero rimbalzo nei flussi azionari.

Valerio Baselli 22/04/2020 | 14:14

Se gli investitori avevano reagito alla diffusione del Coronavirus con una certa lentezza in febbraio, il mercato dei fondi europei ha vissuto a marzo il peggior mese della storia in termini di raccolta (e non solo). Secondo le stime di Morningstar, i fondi a lungo termine domiciliati in Europa hanno subito deflussi record di 287 miliardi di euro (246 se non si contano i fondi monetari), un numero impressionante che fa impallidire anche il mese più buio della crisi finanziaria del 2007-09, l’ottobre del 2008, quando uscirono dall’industria europea del risparmio gestito 108 miliardi (monetari esclusi).

I comparti obbligazionari hanno lasciato per strada 140 miliardi di euro, un livello mai visto prima. A titolo di confronto, il precedente record mensile di deflussi (sempre ottobre 2008) è stato di 54 miliardi. I riscatti di marzo, comunque, sono stati speculari all’incredibile raccolta segnata dai prodotti a reddito fisso nell’era post-crisi finanziaria (in particolare nel 2019), quando è scattata una sorta di caccia apparentemente infinita allo yield, che ha quindi interessato i segmenti più rischiosi dell’universo bond. Il mese scorso, infatti, i deflussi più importanti sono stati segnati dai fondi obbligazionari globali flessibili, gli obbligazionari dei mercati emergenti e i corporate in euro.

I fondi azionari domiciliati in Europa hanno subito deflussi netti per 56 miliardi di euro, un altro record rispetto al minimo precedente di gennaio 2008, quando gli investitori ritirarono 46 miliardi. Gli azionari globali blend a grande capitalizzazione hanno pagato il prezzo maggiore dell’uscita, seguiti dai fondi azionari statunitensi blend a grande capitalizzazione e dagli emergenti globali.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi il Report completo e scopri quali categorie, fondi e società hanno raccolto di più o di meno

Clicca qui

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Condizioni generali d'uso        Cookies