Come si comportano gli ETF in tempi volatili

Ben Johnson (direttore globale della ricerca Morningstar sugli ETF) spiega come i replicanti potrebbero influenzare il mercato durante i momenti di forte incertezza e di ribasso e dà alcuni consigli su come fare trading.

Christine Benz 16/03/2020 | 09:39
Facebook Twitter LinkedIn

 

 

Christine Benz: Buongiorno, sono Christine Benz di Morningstar. Alcuni esperti di mercato si sono preoccupati del modo in cui gli ETF potrebbero comportarsi e influenzare il mercato durante fasi di forti ribassi. Qui con me per condividere alcune prospettive sulla questione c’è Ben Johnson, direttore globale della ricerca ETF di Morningstar. Ben, grazie mille per essere qui.

Ben Johnson: Grazie Christine.

Benz: Ben, parliamo di queste preoccupazioni, ma in particolare vorrei esaminare le recenti dinamiche di mercato, poiché abbiamo visto una forte volatilità.

Johnson: Penso che sia importante fare un passo indietro e ricordare che negli ultimi anni abbiamo visto molti professionisti, da accademici a famosi gestori di hedge fund, nutrire paure attorno agli ETF, sono stati addirittura etichettati come “armi di distruzione di massa”. Quello che direi è che, nelle ultime settimane, ciò che abbiamo visto è l'ennesima prova che queste critiche verso gli ETF non potrebbero essere più lontane dalla verità. In particolare, durante la settimana del 24 febbraio, abbiamo visto volumi record di negoziazioni degli ETF. Addirittura, il volume di negoziazione degli ETF è arrivato a pesare per il 40% di tutte le negoziazioni azionarie negli Stati Uniti.

Benz: Wow.

Johnson: Ora, cosa significa? Significa che gli investitori di tutti i settori hanno utilizzano sempre più gli ETF per reagire, per esprimere le loro opinioni su tutte queste informazioni che stavano arrivando sul mercato. Questo tocca azioni, reddito fisso, materie prime e via dicendo. E quello che abbiamo visto è stato un processo molto efficiente e molto ordinato in un ambiente di forte stress e, di nuovo, volumi record. Quindi, se il comportamento degli ETF delle ultime due settimane non riesce a far cambiare idea ai detrattori di tale strumenti, probabilmente non cambieranno mai idea coloro che pensano che potrebbero essere armi di distruzione di massa.

Benz: Facciamo degli esempi. Ci sono fondi che possono essere di esempio su come questo veicolo ha funzionato sostanzialmente come previsto?

Johnson: Il miglior esempio è l’iShares iBoxx $ High Yield Corp Bd ETF (quotato negli Usa, Ndr). Nella settimana del 24 febbraio questo particolare ETF ha registrato dei volumi record. A un certo punto, abbiamo visto il conteggio delle sue quote - quindi la quantità di quote del fondo in circolazione - ridotta di quasi il 25%. Il che significa che ci sono stati enormi deflussi. Tuttavia, il fondo ha funzionato esattamente come previsto. Ha tracciato il suo indice assolutamente a colpo sicuro. I premi e gli sconti - la differenza tra il prezzo del fondo e il suo valore patrimoniale netto sottostante - sono rimasti assolutamente all'interno di intervalli normali e ciò ha facilitato la capacità di tutti i diversi tipi di investitori di esprimere le proprie opinioni su un paniere di obbligazioni ad alto rendimento che venivano scambiate tra loro come un titolo azionario tutto il giorno, ogni giorno, attraverso uno dei periodi più tumultuosi che abbiamo visto sul mercato nella storia recente.

Benz: Vediamo cosa possono fare gli investitori per proteggersi in periodi di estrema volatilità. Per chi usa gli ETF esistono buone pratiche da utilizzare per garantire che non siano in qualche modo coinvolti in qualcosa che non vogliono accada ai loro portafogli?

Johnson: Penso che gli investitori, soprattutto in questi tempi, non debbano mai dimenticare ciò che "ET" significhi all’interno della sigla ETF, e cioè “quotato in Borsa” (exchange traded, Ndr). Questi fondi sono negoziati come azioni, quindi gli investitori dovrebbero stare attenti, specialmente durante periodi instabili, quando si tratta di effettuare transazioni di quote di ETF. E se c'è una cosa che posso dire riguardo alle migliori pratiche di trading di ETF, è usare gli ordini limite. Quando usi un ordine limite, ti assicuri che otterrai il prezzo desiderato, niente di diverso. Altrimenti si corre il rischio di ottenere un prezzo che potrebbe non piacerci. Quindi, bisogna stare attenti quando si tratta di negoziare ETF e usare gli ordini limite. E se non si deve fare trading, semplicemente non facciamolo.

Benz: Giusto. Ben, è sempre un piacere avere i tuoi consigli. So che tu e il tuo team continuate a guardare da vicino il comportamento degli ETF, soprattutto se la volatilità dovesse continuare. Grazie mille.

Johnson: Grazie.

Benz: Per Morningstar, Christine Benz, grazie per l’attenzione.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Christine Benz  is Morningstar's director of personal finance and author of 30-Minute Money Solutions: A Step-by-Step Guide to Managing Your Finances and the Morningstar Guide to Mutual Funds: 5-Star Strategies for Success. Follow Christine on Twitter: @christine_benz and on Facebook.