Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

La frontiera non regge il confronto con gli emergenti

I paesi non ancora in via di sviluppo sono capaci di dare rendimento agli investitori ma, nel lungo periodo, non sempre riescono a tenere il passo con gli emerging. Pesano l’alta concentrazione geografica e settoriale, oltre che la scarsa liquidità dei titoli.

Marco Caprotti 27/02/2020 | 09:30
Facebook Twitter LinkedIn

I mercati di frontiera rilanciano la sfida agli emergenti. Ma hanno le caratteristiche per vincerla? Da inizio anno (fino al 24 febbraio e calcolato in euro), i fondi raccolti nella categoria Morningstar dedicata a chi investe nel primo asset hanno guadagnato il 2,3%, mentre gli strumenti che si concentrano sulle aree in via di sviluppo hanno segnato +2,5%. L’anno scorso il confronto è stato impietoso: i prodotti dedicati agli emerging hanno guadagnato più del 21%, mentre quelli riservati ai frontier sono rimasti decisamente staccati (+11%).

Fondi EM e Frontier a confronto
frontiera
Dati in euro aggiornati al 24 febbraio 2019
Fonte: Morningstar Direct

Il motivo per cui di solito gli investitori cercano di esporsi ai mercati più rischiosi è legato ai rendimenti potenzialmente più alti che offrono. I paesi di frontiera sono nelle prime fasi di sviluppo rispetto a quelli developed (anche in confronto ai mercati emergenti) e, quindi, possono crescere a ritmi più veloci.

I risultati, però, non sempre sono soddisfacenti. “In alcuni casi, i mercati di frontiera hanno premiato gli investitori con rendimenti eccezionali”, spiega Mark Preskett, portfolio manager di Morningstar Investment Management. “Ad esempio, l’indice dedicato di Msci nel 2017 è cresciuto del 32% (in dollari) superando di gran lunga il paniere emerging. Tuttavia, nel lungo periodo i mercati di frontiera hanno dimostrato di non saper tenere il passo”.

Oltre ai rischi legati a paesi inquieti dal punto di vista geopolitico come spesso sono quelli di frontiera, ci sono due fattori di cui è bene tenere conto. Uno è l’eccessiva concentrazione degli indici frontier e, quindi, dei portafogli che li usano come benchmark. Circa metà del paniere Msci dedicato ai paesi di frontiera è esposto a due soli paesi: Kuwait (38% circa) e Vietnam (15%).

Anche la concentrazione settoriale è forte, considerando che le industrie più rappresentate sono la finanza (54,5%) e le telecomunicazioni (13%).

A questo va aggiunto il fatto che alcune Borse dei paesi di frontiera non hanno una operatività giornaliera e questo costringe a periodi di inattività gli investitori. Magari proprio nel momento in cui hanno intenzione di vendere o acquistare.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le altre analisi dedicate ai mercati di frontiera

Clicca qui

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.