Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Fondi obbligazionari pigliatutto

Hanno raccolto oltre mille miliardi a livello globale nel 2019, staccando nettamente le altre classi di attività. Le gestioni passive superano il 30% della quota di mercato. BlackRock/iShares è primo per flussi netti davanti a Vanguard.

Sara Silano 12/02/2020 | 09:46
Facebook Twitter LinkedIn

Il 2019 è stato un anno record per i fondi e gli Etf (Exchange traded fund) a livello globale. Morningstar ha stimato che i flussi netti verso gli strumenti a lungo termine (esclusi i comparti monetari) sono praticamente raddoppiati in dodici mesi a mille miliardi di dollari. Protagonisti indiscussi sono stati gli obbligazionari, che hanno catturato la quasi totalità della raccolta netta.

Gli azionari si sono dovuti accontentare di un magro +9 miliardi, nonostante i positivi risultati degli indici di Borsa. Secondo i ricercatori di Morningstar, le ragioni vanno ricercate nella diminuzione degli acquisti di Etf equity da parte della Banca del Giappone e nel taglio dell’esposizione a questa asset class da parte delle gestioni patrimoniali (managed portfolio), soprattutto negli Stati Uniti. Nel 2018, i flussi erano stati pari a 354 miliardi.

Crescita del patrimonio di fondi ed Etf per classi di attività dal 2008 (dati in miliardi di dollari)

Crescita del patrimonio di fondi ed Etf per classi di attività dal 2008 (dati in miliardi di dollari)

 

Etf e fondi indicizzati oltre il 30%
E’ stato sotto il segno della continuità il trend dei fondi passivi, che hanno guadagnato ulteriori quote di mercato, passando dal 28,6% del 2018 al 31% a fine 2019 (i dati si riferiscono ai fondi a lungo termine). Nel segmento azionario, il loro peso è salito dal 41,4 al 43,4%. I flussi netti sono stati pari a 769 miliardi di dollari (702 miliardi nel 2018) contro i 252 miliardi delle strategie attive. Quest’ultimo risultato è interamente attribuibile al reddito fisso (+625 miliardi), perché le altre classi di attività hanno registrato riscatti tra gli active fund. Risalta il segno meno degli azionari (-357 miliardi), per i quali è stato uno dei peggiori anni dopo il 2017 e 2008.

Flussi netti nei fondi attivi e passivi per asset class nel 2019 (in dollari)

Flussi netti nei fondi attivi e passivi per asset class nel 2019 (in dollari)

BlackRock/iShares al top della raccolta
L’industria globale dei fondi continua ad essere un oligopolio. BlackRock/iShares ha ricevuto flussi netti combinati per 298 miliardi di dollari (il dato include i fondi a lungo termine e quelli monetari), salendo al primo posto, dove dal 2013 sedeva Vanguard. Quest’ultima è seconda per raccolta netta con 263 miliardi. Per entrambi i gruppi, un ruolo centrale l’hanno avuto i comparti obbligazionari. In termini di patrimonio gestito Vanguard è prima, seguita da BlackRock/iShares e da Fidelity.

Società di gestione per patrimonio gestito in fondi ed Etf a livello globale (dati in miliardi di dollari)

 SGR per patrimonio gestito e flussi nel 2019 a livello mondiale

Gli Stati Uniti staccano l’Europa

A livello regionale, gli Stati Uniti guidano la raccolta globale con 887 miliardi di dollari (nel 2018 erano stati “appena” 344 miliardi). L’Europa segue con distacco: +326 miliardi, in crescita rispetto ai 150 del 2018. A questo dato va aggiunto quello dei cosiddetti fondi cross-border, principalmente domiciliati in Lussemburgo e Irlanda, ossia in nazioni caratterizzate da forti agevolazioni fiscali (+113 miliardi), che sono distribuiti primariamente nel Vecchio continente, ma anche in Asia, America latina e Medio Oriente.

Flussi netti e patrimonio dei fondi ed Etf per regione (dati in miliardi di dollari)

Flussi netti e patrimonio di fondi ed ETF per regioni globali nel 2019

L’Europa ha seguito le dinamiche dell’industria del risparmio gestito globale, con un anno record per il reddito fisso e quella che è stata definita “un’occasione mancata” per gli azionari, snobbati per buona parte del 2019 a dispetto del rally delle Borse. Nel Vecchio continente, le strategie indicizzate rappresentano il 18,9% del mercato, una percentuale inferiore rispetto a quella mondiale (influenzata dal dato americano), ma che, come nel resto del globo, continua a crescere ormai ininterrottamente da 15 anni.

Flussi netti verso i fondi attivi e passivi per regione nel 2019 (dati in miliardi di dollari)

Flussi netti verso i fondi attivi e passivi per regione nel 2019 (dati in miliardi di dollari)https://www.morningstar.co.uk/static/UploadManager/Assets/Global_fund_report_active_passive_regioni.JPG

L’analisi è stata realizzata su più di 4 mila società di gestione in 85 paesi nel mondo. Comprende oltre 95 mila fondi e 240 mila classi. Morningstar definisce i flussi netti stimati a livello di fondo come la variazione del patrimonio tra l’inizio e la fine del periodo che non è spiegata dal ritorno del fondo. Il report completo e la metodologia sono disponibili sulla piattaforma per professionisti Morningstar Direct.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Visita il nostro sito dedicato ai servizi e alle soluzioni di ricerca e selezione fondi.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia