5 trend dell’industria degli Etf nel 2019

Il mercato dei replicanti è in crescita da 15 anni. La raccolta degli obbligazionari batte quella degli azionari. Bene gli strumenti sostenibili. Aumenta l’offerta di tematici e tornano popolari gli strategic beta.

Sara Silano 27/01/2020 | 09:32

Se dovessimo usare un aggettivo per descrivere il 2019 dell’industria europea degli Exchange traded fund (Etf) potremmo dire che è stato “straordinario”, non solo per le dinamiche di crescita, ma anche per le direttrici dello sviluppo.

Un anno record
L’industria europea degli Etf ha archiviato 15 anni di crescita ininterrotta dei flussi e del patrimonio. Secondo le statistiche Morningstar, a fine 2019 gli asset hanno toccato i 923 miliardi di euro, in crescita del 37,2% rispetto al 2018. “Due anni fa avevamo previsto il raggiungimento dei mille miliardi entro il 2020 e non siamo lontani dall’obiettivo”, dice Jose Garcia-Zarate, direttore associato della ricerca sulle strategie passive di Morningstar. “Gli investimenti passivi, infatti, continuano a guadagnare terreno”.

Andamento trimestrale del patrimonio degli Etf europei

Andamento trimestrale del patrimonio degli Etf europei

Il 2019 è stato un anno record per i flussi di raccolta, che sono ammontati a 107 miliardi (il dato comprende Etf e Exchange traded commodity), contro i 46 del 2018. Il merito va soprattutto all’ultimo trimestre, che ha totalizzato un +45,2 miliardi.

Obbligazionari al top
L’anno che si è appena concluso sarà ricordato anche per il boom degli investimenti indicizzati nel reddito fisso. Morningstar stima flussi netti per 54 miliardi (13,4 nel 2018), contro i 46 degli azionari, che però continuano a detenere la fetta più grande del patrimonio (65%). Il reddito fisso ha masse per 234 miliardi, mentre l’equity per circa 600.

Nel 2020, gli investitori farebbero bene a tenere d’occhio anche le materie prime, un segmento largamente influenzato dall’andamento dei prezzi dell’oro e del petrolio e di conseguenza dai rischi geopolitici e dalla ricerca di beni rifugio. Nel 2019, gli Etc hanno raccolto quasi 8 miliardi netti, lasciandosi alle spalle lo scarno 2018.

ESG, il tema caldo
Gli Etf con un focus sui fattori ambientali, sociali e di governance (ESG) hanno ricevuto flussi netti di 4,5 volte superiori all’anno precedente, per un totale di 16,7 miliardi, pari al 15,7% del totale. Nonostante questi numeri, è un segmento piccolo, che rappresenta solo il 3,3% degli asset totali, ma “maturo per la crescita”, afferma Garcia-Zarate, il quale sottolinea anche il positivo dato della raccolta degli obbligazionari sostenibili (3,4 miliardi), che finora era stato irrilevante.

Flussi netti annuali negli Etf ESG europei (dati in miliardi di euro)

Flussi netti annuali negli Etf ESG europei (dati in miliardi di euro)

La carica dei tematici
Acqua, sicurezza informatica ed energie alternative sono stati i temi più popolari tra gli investitori. Nel complesso, nel 2019 gli Etf tematici hanno attratto 1,1 miliardi di flussi netti, un dato che è inferiore a quello dell’anno precedente (1,8 miliardi), a causa soprattutto dei riscatti che hanno colpito gli strumenti specializzati nella robotica. A fine dicembre, il patrimonio ammontava a 8,5 miliardi. Gli emittenti sembrano, però, intenzionati a continuare a sviluppare questo segmento, come testimonia il numero di lanci (12) e l’ampliamento della gamma. Ad esempio, lo scorso anno ha debuttato un prodotto dedicato ai videogame e agli e-sport.

Il ritorno degli Strategic beta
Il 2018 era stato un anno da dimenticare per gli Etf strategic beta, comunemente chiamati smart beta. Ma nel 2019 sono tornati popolari, attraendo 9,7 miliardi di flussi netti, in linea con il 2016 e il 2017. La strategia più popolare è quella sui dividendi. In termini patrimoniali, la quota degli Etf “smart” rimane inferiore all’8% del totale (74 miliardi di euro).

Flussi netti annuali negli Etf strategic beta (miliardi di euro)

Flussi netti annuali negli Etf strategic beta (miliardi di euro)

 

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Leggi le nostre analisi e i nostri commenti sugli Etf.

Clicca qui.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar