FCA-PSA, prove di matrimonio

Le società confermano il progetto per una possibile fusione. In attesa di nuove comunicazioni, gli analisti di Morningstar lasciano invariate le stime del fair value dei due titoli.  

Richard Hilgert 30/10/2019 | 16:20

Fiat Chrysler e PSA (Peugeot) progettano di unire le forze per creare un nuovo gruppo globale detenuto al 50% dagli azionisti di Groupe PSA e al 50% di FCA. Carlos Tavares, amministratore delegato del gruppo Peugeot, diventerebbe il CEO del gruppo, mentre John Elkann, presidente di Fiat Chrysler, ricoprirebbe la stessa carica anche nella nuova società. Tale annuncio arriva a soli cinque mesi di distanza da quello di una possibile fusione tra Fiat Chrysler e Renault. Accordo che poi è sfumato anche a causa delle resistenze da parte del governo francese, che detiene una partecipazione nel capitale della casa automobilistica, e di Nissan, partner di Renault.

Fair value invariati
Per ora manteniamo invariata la stima del fair value di FCA a quota 28 euro e quella di Peugeot a 17 euro. Valutiamo il patrimonio netto della nuova società pari a 57,8 miliardi di euro, contro una capitalizzazione di mercato congiunta che attualmente è di 46,9 miliardi. Chi volesse giocare d’anticipo sulla fusione potrebbe prendere in considerazione il titolo Fiat Chrysler, che attualmente è scambiato a un tasso di sconto del 50%. Per contro, il prezzo di mercato di Peugeot è più alto del 47% rispetto alla nostra valutazione.

Quarto player mondiale dell'auto 
Il nostro giudizio sull’operazione di M&A è positivo. Riteniamo che la fusione tra le due società sia ragionevole, data la forte concorrenza a livello globale, l'elevata intensità di capitale del settore e la necessità di essere competitivi nel segmento elettrico. Fiat Chrysler e Peugeot insieme avrebbero un volume totale (considerate anche le joint venture) di 8,7 milioni di autovetture, stando ai dati del 2018. Questo numero posizionerebbe il gruppo al quarto posto tra i produttori mondiali dietro Volkswagen, Toyota e Renault/Nissan, ciascuna con oltre 10 milioni di unità. Quanto alle immatricolazioni in Europa, lo scorso anno, insieme (Fiat Chrysler e Peugeot) avrebbero raggiunto quota 2,9 milioni di unità, collocandosi al secondo posto dietro Volkswagen che ne ha registrate 3,6 milioni.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Fiat Chrysler Automobiles NV7,59 EUR2,29
Peugeot SA11,81 EUR2,43

Info autore

Richard Hilgert  Richard Hilgert is a securities analyst on the Industrials Team.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar