ETF a confronto: Azionari Europa emergente

Attualmente ci sono quattro replicanti esposti alle economie europee in via di sviluppo disponibili agli investitori del Vecchio continente. Seppur in rallentamento, l’Est Europa continua a correre più veloce dei paesi sviluppati. La Russia resta l’ago della bilancia.

Valerio Baselli 23/05/2019 | 09:50

Chi cerca la crescita, guardi a Est. Le ultime stime dell’Unione europea parlano chiaro. A fronte di un balzo medio del Pil previsto per il 2019 nell’area dei 28 paesi membri pari all’1,4%, ci sono alcune nazioni che si distinguono in positivo: oltre ai casi di Malta (5,5% di crescita previsto per quest’anno) e Irlanda (3,8%), a stupire è il blocco emergente orientale, con Polonia (4,2%), Ungheria (3,7%), Slovacchia (3,8%), Romania (3,3%) e Repubblica Ceca (2,6%). Le previsioni della Commissione per il 2020 sono in ribasso rispetto a questi numeri, ma la tendenza non cambia.

Specularmente, a deludere sono le grandi economie occidentali, in particolare l’Italia fanalino di coda con il suo misero 0,1% e la Germania con lo 0,5%, ma anche la Francia con un non esaltante 1,3%.

Certo, rispetto a un ottimo 2017, negli ultimi 18 mesi l’Europa emergente ha già vissuto un rallentamento, anche se con forti divergenze tra paesi (basti pensare al caso della Turchia). “Un ambiente esterno meno favorevole e le previsioni pessimistiche per la crescita nell'area euro continueranno a frenare le prospettive di crescita per la regione”, si legge in uno studio di Abn Amro. “I paesi fortemente integrati nelle filiere regionali, come l'Ungheria e la Repubblica Ceca, saranno particolarmente colpiti. D’altra parte, la continuazione della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti dovrebbe avere un lieve impatto sull'Europa emergente. I legami commerciali con la Cina e gli Usa non sono significativi”, si legge nel report.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies