3 trend dell’industria globale dei fondi

Nel 2018, le strategie indicizzate guadagnano quote di mercato a discapito di quelle attive. Nonostante la volatilità delle Borse, la raccolta degli azionari batte quella del reddito fisso. Tra i grandi asset manager, Vanguard e BlackRock/iShares staccano i concorrenti.

Sara Silano 14/02/2019 | 00:41

L’industria globale dei fondi ha archiviato un altro anno con il segno più in termini di raccolta, ma i gestori non hanno stappato le bottiglie di spumante. Rispetto al 2017, sono stati davvero dodici mesi di magra. Secondo l’ultimo Morningstar Global fund flow report, i flussi netti si sono fermati a 606 miliardi di dollari contro i 2 mila miliardi del periodo precedente. Si tratta del livello più basso dal 2011, quando la crisi finanziaria si allargò al debito sovrano dei cosiddetti paesi periferici dell’Europa, inclusa l’Italia.

Se si scava all’interno dei dati del rapporto curato da Kevin McDevitt, senior analyst di Morningstar, si possono identificare tre grandi trend del risparmio gestito a livello globale.

Gli indicizzati si fanno strada nel reddito fisso
Il primo è la forte domanda di fondi indicizzati un po’ ovunque. Complessivamente, hanno raccolto 695 miliardi, dato che si confronta con deflussi netti per 87 miliardi dalle strategie attive. Il tasso di crescita organica è stato del 7,8%, con incrementi più significativi nel reddito fisso, dove questa tipologia di fondi si è affermata in un secondo momento rispetto al segmento azionario. In quest’ultimo, però, gli index fund rappresentano oggi oltre il 41% (era il 38,9% a fine 2017). Gli Stati Uniti restano il mercato in cui questa dinamica è più accentuata: nel 2018 sono entrati nei prodotti passivi 459 miliardi di dollari. Al secondo posto si colloca l’Asia (+117), dove un ruolo centrale ha avuto la Banca del Giappone con l’acquisto di Etf (Exchange traded fund) per 65 miliardi di dollari. In Europa, gli index fund hanno raccolto circa 80 miliardi netti.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar