Brexit preoccupa, ma non c’è esodo dai fondi

Dal 2016, anno del referendum inglese per l’uscita dall’Unione, i riscatti dai comparti azionari inglesi sono stati contenuti. L’analisi dei flussi, soprattutto dall’equity small e mid cap, rivela un sentiment contrastante e opinioni diverse sull’esito delle trattative.

Sara Silano 12/12/2018 | 00:24

Gli investitori in fondi azionari specializzati sulla Borsa di Londra non si sono fatti spaventare da Brexit. Almeno fino ad ora. Secondo i dati di Morningstar Direct, non ci sono stati deflussi di massa: su un totale di 177,5 miliardi di euro raccolti dai fondi azionari europei da giugno 2016 (anno del referendum inglese per l’uscita dall’Unione) a fine ottobre 2018, l’equity Uk ha registrato riscatti netti per 16,7 miliardi. Gran parte è da attribuire ai comparti con focus sui dividendi.

“Nonostante sia chiara la tendenza ad uscire dall’azionario del Regno Unito, bisogna tenere presente che casi di specifici fondi di grandi dimensioni hanno accentuato il trend”, si legge in una nota Morningstar. “L’esteso periodo di underperformance (dal 2016 ) di comparti come LF Woodford Equity Income, Invesco Income, Invesco High Income e Invesco Strategic Income hanno determinato deflussi netti per 10,5 miliardi di euro nell’intervallo temporale considerato. Se si escludono questi prodotti, il sentiment negativo verso la Borsa di Londra è molto meno pronunciato”.

Small cap e sentiment degli investitori
Mentre le società a larga capitalizzazione hanno business internazionali, quelle small e mid cap sono maggiormente focalizzate sull’economia domestica e quindi possono essere più colpite da uno scenario disordinato di uscita della Gran Bretagna dall’Unione. I flussi verso questo tipo di fondi rivelano un sentiment contrastato degli investitori: nel 2016 erano stati colpiti da riscatti, nel 2017-2018 (fino a ottobre) hanno registrato una raccolta positiva. In termini aggregati per l’intero periodo post-referendum, dunque, il saldo è positivo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies