Fondi, raccolta in profondo rosso

Nel mese di ottobre l’industria europea del risparmio gestito registra deflussi netti per 35,3 miliardi di euro. In territorio negativo tutte le principali asset class. Mese record, invece, per i monetari. La gestione passiva continua a guadagnare fette di mercato.

Valerio Baselli 29/11/2018 | 09:39

Quello che è iniziato come un ruscello a settembre è diventato un torrente a ottobre: gli investitori hanno abbandonato i fondi europei con una convinzione vista l’ultima volta al culmine della crisi dell'Eurozona nell’agosto 2011. I fondi domiciliati nel Vecchio continente hanno subito deflussi netti per 35,3 miliardi di euro (prodotti monetari esclusi). Anche se i fattori idiosincratici relativi ai fondi e alle società hanno avuto un ruolo nel plasmare i flussi, il mese di ottobre è stato, nel complesso, una vera e propria storia di tipo risk-off.

Sulla scia della forte correzione dei mercati, i fondi azionari hanno subito un’emorragia di 11,7 miliardi di euro. Riscatti significativi hanno colpito i fondi di tipo growth, compresi i fondi tecnologici, illustrando così un netto cambiamento nell’attitudine degli investitori. I fondi obbligazionari, dal canto loro, hanno perso 11,5 miliardi di euro, con gli investitori in obbligazioni societarie che hanno dovuto affrontare un allargamento degli spread. La fuga dal rischio non ha risparmiato nemmeno i fondi bilanciati e gli alternativi, con rispettivamente oltre sei miliardi di riscatti netti.

L'indicazione più chiara del fatto che gli investitori siano passati alla modalità risk-off in ottobre sono stati gli afflussi record assorbiti dai fondi del mercato monetario, pari a ben 52,8 miliardi di euro.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies