Stiamo riscontrando problemi intermittenti nella registrazione al sito da parte degli utenti Premium. Stiamo lavorando per risolverli al più presto. Ci scusiamo per il disguido. Grazie per la pazienza.

Le promozioni premiano i finanziari Usa

Il sell-off sui listini newyorkesi registrato nell’ultima ottava ha fatto scattare l’upgrade nel Morningstar rating per Bank of America e BNY Mellon.  

Francesco Lavecchia 11/12/2018 | 00:40
Facebook Twitter LinkedIn

L’arresto di Meng Wanzhou, figlia del Patron di Huawei e CFO dell’azienda cinese produttrice di smartphone (accusata di aver violato l’accordo che disciplinava i rapporti commerciali con l’Iran) fa ripiombare i listini statunitensi nel panico proprio quando i toni distensivi di Donald Trump lasciavano intravedere un lieto fine al lungo braccio di ferro tra Washington e Pechino sui dazi doganali.

I timori per una nuova guerra commerciale hanno fatto scattare forti vendite, con l’indice Morningstar US Market che ha ceduto quasi il 2,5% (in dollari) nell’ultima ottava. I ribassi, dicono gli anaoisti di Morningstar, hanno creato le condizioni per posizionarsi su titoli americani di qualità come Bank of America e Bank of New York Mellon a prezzi convenienti.

La ristrutturazione ha fatto bene a Bank of America
Bank of America (BAC) ha completato la ristrutturazione del suo business ed è ora in prima linea per beneficiare dell’incremento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve. Dopo le sfortunate acquisizioni di Merrill Lynch e Countrywide Financial, il management della banca ha faticato parecchio a semplificare le operazioni e a snellire la struttura dell’azienda, ma ora iniziano a vedersi i risultati: il Tier 1 della banca è salito al 25%, a dimostrazione della sua ritrovata stabilità finanziaria, è stato chiuso quasi il 25% delle filiali e il forte investimento in nuove tecnologie ha permesso di razionalizzare il personale e di semplificare la gestione dei servizi.

Nonostante il radicale taglio delle filiali, Bank of America resta il primo istituto di credito negli Usa per i depositi bancari. Questo gli garantisce la possibilità di finanziare le proprie attività a costi più bassi rispetto alla media. BAC, inoltre, è in grado di offrire una molteplicità di servizi e questo aumenta il grado di fidelizzazione della sua clientela che continua a depositare il proprio denaro nonostante la bassa remunerazione offerta.

Gli analisti hanno recentemente alzato la stima del fair value del titolo da 29 a 33 dollari in seguito al miglioramento delle previsioni per i prossimi cinque anni che indicano una crescita media degli utili del 22%. Il calo del 10% (in dollari) registrato nell’ultima ottava ha fatto prodotto per il titolo l’upgrade nel Morningstar Rating da 3 a 4 stelle (report aggiornato al 4 dicembre 2018).

BNY Mellon scontata del 15% 
Nello stesso periodo Bank of New York Mellon ha perso il 7% (in dollari), vanificando il rally seguito alla notizia degli acquisti fatti dalla Berkshire Hathaway (13 milioni di dollari che hanno fatto salire la partecipazione al 7,9% del capitale sociale della banca) e portando il tasso di sconto sul fair value a quota 15% (report aggiornato al 19 novembre 2018). 

BNY Mellon è una delle due più grandi banche depositarie al mondo e sebbene i suoi servizi siano sostanzialmente indifferenziati e a basso valore aggiunto, le elevate economie di scala, le barriere all’ingresso di nuovi competitor e il forte potere contrattuale nei confronti della clientela (aziende, investitori e istituzioni finanziarie) le permettono di mantenere una redditività del capitale superiore alla media (Economic moat).

“Siamo convinti che BNY Mellon continuerà a beneficiare di alcuni trend favorevoli in atto nel settore finanziario come l’aumento del livello di regolamentazione che spingerà gli asset manager a esternalizzare le loro operazioni di back-office e prevediamo per i prossimi cinque anni una crescita media degli utili del 6%”, dice Greggory Warren analista azionario di Morningstar.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia