Risparmio, ma quanto?

Un giovane dovrebbe iniziare a mettere da parte qualcosa per la pensione quando inizia a lavorare. L’obiettivo è mantenere un buon tenore di vita in età avanzata. Ecco un semplice calcolo per partire con il piede giusto.

Sara Silano 18/09/2018 | 09:45

Sentiamo spesso dire dai giovani che “tanto loro la pensione non la prenderanno mai”. Al di là di quello che sarà il futuro del primo pilastro della previdenza, quello pubblico obbligatorio, ci si dimentica troppo di frequente che il nostro futuro benessere dipende anche e soprattutto dalle nostre scelte.

Quando cominciamo a lavorare dobbiamo stabilire una certa percentuale di risparmio e rispettarla, per quanto dipende dalle nostre possibilità. E’ possibile che sia piccola, ma potrà poi essere incrementata nel tempo. Il calcolo più impegnativo è stabilire quanto mettere da parte. Il punto di partenza è l’obiettivo che è mantenere il nostro stile di vita una volta in pensione, il che significa tenere conto che avremo probabilmente maggiori spese per le medicine o per i viaggi e minori per spostarci da casa al luogo di lavoro o per l’acquisto di nuovi vestiti.

Il tasso di sostituzione
Un indicatore che ci viene in aiuto è il tasso di sostituzione, che è il rapporto tra la prima pensione ottenuta e l’ultimo salario ricevuto. In pratica, ci dice quanto perdiamo a uscire dal mondo del lavoro. Molte persone si danno come obiettivo l’80% della paga precedente il pensionamento. Secondo alcune simulazioni di Itinerari Previdenziali, un lavoratore dipendente nato nel 1981 e che ha iniziato a lavorare a 24 anni, potrebbe centrare il target, a condizione però che si ritiri a 70,3 anni con 39,3 anni di contributi. La proiezione è basata su un’ipotesi di Pil (Prodotto interno lordo) reale che cresca dell’1,57% annuo, un’inflazione del 2% e un aumento delle retribuzioni individuali reali dell’1,51%. Condizioni che possiamo definire più che ottimistiche data la situazione attuale dell’Italia.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Condizioni generali d'uso        Cookies