Caratteristiche sovra e sottostimate degli Etf

Liquidità, flessibilità, trasparenza, costi, prevedibilità. Ecco alcuni attributi a cui a volte si dà troppa importanza (e in altri casi poca), dei fondi passivi quotati in Borsa.

Valerio Baselli 10/09/2018 | 09:50

Gli Exchange traded fund, come tutti i fondi comuni, sono dei veicoli d’investimento che permettono di investire in un paniere diversificato di titoli. Per diverse ragioni, gli Etf hanno conosciuto un successo enorme negli ultimi dieci anni, tuttavia gli investitori non sempre mettono a fuoco i reali benefici dei replicanti, sovrastimando alcune loro caratteristiche e sottostimandone delle altre. Ben Johnson, responsabile globale della ricerca Etf di Morningstar, ha stilato l’elenco di tali attributi, cercando di capire se siano sovra o sottostimati dagli investitori. In fondo alla pagina potete guardare la video intervista proprio su questo tema rilasciata da Ben Johnson a Christine Benz, responsabile della sezione finanza personale di Morningstar.

Liquidità - sovrastimata: Credo che la possibilità di scambiare gli Etf come le azioni, in tempo reale durante la seduta di mercato sia una caratteristica eccessivamente messa in valore, afferma Johnson. Questo per due ragioni: innanzitutto, penso che questa definizione sia eccessivamente ristretta. Secondo, penso che la liquidità intraday potrebbe indurre gli investitori a negoziare più spesso.

Flessibilità – sottostimata: Attraverso gli Etf, gli investitori possono investire long, andare short, acquistare e vendere opzioni (sugli Etf), fare prestito titoli e riscuotere una commissione e altro ancora. Questa versatilità può attrarre una base di investitori molto ampia e diversificata che utilizza questi fondi in modi significativamente diversi. La diversità della base degli investitori degli Etf e dei loro diversi usi è il fondamento su cui si basa una buona liquidità, il che è un vantaggio per tutti gli investitori del fondo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Info autore

Valerio Baselli

Valerio Baselli  è Giornalista di Morningstar in Francia e Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar