Le costruzioni Usa sono solide

Il segmento fa i conti con l’aumento del costo del lavoro e dei prezzi delle materie prime. Ma i margini restano ancora alti e le valutazioni in alcuni segmenti sono interessanti.

Marco Caprotti 31/07/2018 | 14:29
Facebook Twitter LinkedIn

Il settore delle costruzioni Usa ha fondamenta sempre più solide. E, dicono gli analisti di Morningstar, offre interessanti opportunità di investimento nei diversi segmenti che lo compongono. “Nonostante l’aumento del costo del lavoro e dei prezzi delle materie prime, le società del segmento homebuilder manterrano buoni margini di profitto, grazie anche a una ripresa del mercato delle case nuove”, spiega Charles Gross, equity analyst di Morningstar”.

L’elemento che dovrà essere osservato con attenzione è quello del costo del legname che, fra il primo trimestre del 2017 e lo stesso periodo del 2018, è salito del 30%. Per quanto riguarda il costo del lavoro, il progresso è stato del 4%. “In aggregato, il costo per costruire nuove abitazione è salito del 4,5% rispetto all’anno scorso”, dice Gross. “Un livello più basso del +7% fatto segnare dalle valutazioni per metro quadro delle nuove abitazioni in vendita. In una situazione del genere, i margini sono alti non solo per i costruttori, ma per tutto l’indotto che si muove intorno a questo mondo”.

L’attività di costruzione è rimasta solida nei primi cinque mesi dell’anno. I nuovi cantieri sono aumentati del 10% rispetto allo stesso periodo del 2017. “Merito soprattutto degli immobili multifamiliari”, dice l’analista. “Questo segmento, tuttavia, potrebbe registrare un leggero rallentamento”. Questa situazione va inquadrata anche nel contesto demografico degli Stati Uniti. “E’ stata attraversata una fase in cui i giovani sembravano restii a mettere su famiglia”, dice Gross. “Questo anche a causa delle recenti crisi finanziarie che hanno minato la fiducia nel futuro. Ora la situazione sta tornando alla normalità in un momento in cui, tra l’altro, la disoccupazione è ai minimi e gli stipendi stanno salendo”.

 

Fattori demografici e finanziari spingeranno la formazione di nuove famiglie e la costruzione di nuove case
Homebuild



Dove guardare
Dal punto di vista operativo, secondo l’analista ci sono diverse opzioni da prendere in considerazione. “Con l’arrivo del secondo trimestre si sono presentate sul mercato azionario alcune opportunità”, spiega Gross. “I costruttori sono una categoria interessante, dopo che i prezzi dei titoli sono scesi a seguito delle preoccupazioni legate all’aumento dei tassi di interesse. A favore del settore, tuttavia, gioca la scarsa disponibilità di case esistenti libere. Il segmento del legname va approcciato con cautela. Le valutazioni al momento sono alte e ha gli stessi problemi di volatilità che presentano le altre commodity. L’industria dei produttori di arredamento e utensili per la casa ha quotazioni interessanti ma, anche qui, bisogna fare attenzione ai prezzi perché alcuni titoli non hanno sconto”.

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.