FCA, cosa cambia con l’uscita di Marchionne?

L’Ad ha cambiato la cultura organizzativa dell’azienda e il suo successore ha la strada tracciata dal piano industriale. Sebbene esista il rischio di risentire della mancanza di una guida forte, il titolo resta fortemente sottovalutato dal mercato.  

Richard Hilgert 23/07/2018 | 17:12

L’uscita di Sergio Marchionne non cambia la valutazione su FCA da parte degli analisti di Morningstar, i quali sono convinti che il titolo continua a essere ampiamente scontato dal mercato. A causa dell’uscita anticipata del suo Ad, FCA rischia di risentire della mancanza di una figura di carisma e competente che ha gestito con successo la trasformazione recente del gruppo italo-americano. Tuttavia, il lungo mandato di Sergio Marchionne (in carica dal 2004) ha contribuito a cambiare in maniera significativa la cultura organizzativa dell’azienda e questo è un asset che rimarrà.

Il Cda di Fiat Chrysler ha annunciato la nomina del nuovo amministratore delegato, Mike Manley, uno dei tre dirigenti che si diceva fossero in corsa per la carica. Manley, si precisa nel comunicato, procederà all'attuazione del piano industriale 2018-2022 presentato lo scorso primo giugno di quest'anno.

Manley è un profilo convincente
Di Manley apprezziamo il suo profilo internazionale. Ha iniziato la sua carriera nel settore auto con Daimler Chrylser nel Regno Unito nel 2000 e nel corso degli anni ha ricoperto la carica di Chief Operating Officer della regione Asia-Pacifico e CEO dei marchi Jeep e Ram, ed ha anche guidato le trattative per dar vita alla joint venture in Cina che produce le autovetture del marchio Jeep. Crediamo dunque che con l'espansione internazionale di Jeep, Maserati e Alfa Romeo, l'esperienza di Manley sarà di grande aiuto per l'azienda.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
Fiat Chrysler Automobiles NV10,52 EUR-0,47

Info autore

Richard Hilgert  Richard Hilgert is a securities analyst on the Industrials Team.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies