Idee controcorrente

Il mercato è tiepido su American Express, Pfizer e Carpenter Technology mentre, per gli analisti di Morningstar, sono buone occasioni di investimento.

Francesco Lavecchia 27/03/2018 | 14:55
Facebook Twitter LinkedIn

Per inseguire il rendimento, a volte, bisogna saper andare controcorrente. Il consensus del mercato raccomanda prudenza su American Express, Pfizer e Carpenter Technology, ma per gli analisti di Morningstar è il momento giusto per prendere posizione su questi titoli.

Pfizer, +10% negli utili nei prossimi 3 anni
Pfizer ha ceduto poco più del 2% da inizio anno (in USD al 22 marzo 2018), la stima del fair value medio degli analisti è di 34 dollari, mentre la valutazione di Morningstar è pari a 43,50 dollari (report aggiornato al 31 gennaio 2018), circa il 20% superiore alle attuali quotazioni di Borsa.

Il gruppo farmaceutico statunitense può contare su un ampio portafoglio brevetti e un forte vantaggio di costo rispetto alle aziende concorrenti. I diritti di esclusiva sulla vendita dei farmaci gli garantiscono mark-up generosi sui prezzi di vendita, mentre grazie agli enormi volumi di produzione riesce a minimizzare gli oneri operativi per reinvestire la liquidità risparmiata nella ricerca di nuovi prodotti. Grazie alla sua posizione di vantaggio all’interno del settore riesce a mantenere una redditività superiore alla media e a generare flussi di cassa che le permettono di finanziare una cedola generosa e nuove acquisizioni senza per questo appesantire il bilancio.

“La nostra valutazione si basa sulle attese di una crescita media del fatturato del 2% nei prossimi tre anni, mentre la riduzione dell’aliquota fiscale spingerà gli utili d’esercizio a un ritmo medio del 10%”, dice Damien Conover analista azionario di Morningstar. “Questi numeri tengono conto delle future acquisizioni e dell’effetto positivo prodotto dal debutto sul mercato dei nuovi farmaci nel campo dell’immunologia e delle malattie cardiovascolari. Ci aspettiamo, inoltre, che nel lungo termine una maggior diversificazione della gamma di prodotti contribuisca a ridurre la volatilità dei guadagni. Gli sforzi fatti nel processo di ristrutturazione contribuiranno a espandere i margini di profitto”.

American Express non teme la concorrenza
Il titolo American Express è sceso del 7% da inizio anno. Secondo gli analisti di Morningstar è scambiato a un tasso di sconto di circa il 20% rispetto al fair value di 112 dollari (report aggiornato al 21 marzo 2018), ma il consensus del mercato indica un prezzo obiettivo di 80 dollari.

“Nel settore delle carte di credito la concorrenza si è fatta più accesa: gruppi finanziari come JPMorgan sono disposti a offrire schemi di incentivi molto vantaggiosi pur di attirare nuovi clienti e la nuova tecnologia dei pagamenti attraverso i dispositivi mobile minaccia di cambiare il contesto competitivo. Nonostante questo, però, siamo convinti che AXP riuscirà a mantenere una posizione di vantaggio rispetto ai competitor”, dice Jim Sinegal di Morningstar.

American Express beneficia del favorevole effetto network che si crea tra i detentori di carta di credito e gli esercenti commerciali. I primi la utilizzano perché attratti dai servizi offerti e dal meccanismo di ricompensa previsto dalla società in base agli acquisti effettuati; i secondi la accettano come mezzo di pagamento perché disposti a pagare commissioni elevate pur di garantirsi le preferenze di consumatori molto facoltosi. Inoltre, il gruppo finanziario possiede un importante patrimonio dati, relativo alle abitudini di spesa dei propri clienti, che ha iniziato solo parzialmente a monetizzare e che, se sfruttato a pieno, potrebbe aprire le porta a una nuova linea di business molto profittevole.

Carpenter, ricavi in crescita dell'8% nei prossimi 5 anni
Carpenter Technology ha ceduto da inizio anno quasi il 20% della sua capitalizzazione di mercato. Le sue quotazioni sono scese attorno ai 40 dollari, quasi in linea con il consensus del mercato che indica un prezzo obiettivo di 45 dollari, mentre la stima del fair value degli analisti di Morningstar è pari a 54 dollari (report aggiornato all’1 febbraio 2018).

L’azienda statunitense utilizza materie prime come nikel, cobalto e titanio per la produzione di leghe speciali ad alto valore aggiunto e che soddisfano particolari specifiche del cliente (come ad esempio la resistenza a temperature estreme o alla corrosione). Carpenter opera in una nicchia di mercato molto profittevole, se confrontata con la media del settore metallurgico, e l’elevato impiego di capitale per la produzione dei suoi manufatti costituisce una barriera all’ingresso di nuovi competitor.

Inoltre, riesce a esercitare un forte potere contrattuale nei confronti di clienti. In particolare di quelli nel settore aerospaziale e in quello energetico (che rappresentano circa il 60% del fatturato). Tali aziende si servono di Carpenter per piccole commesse ma hanno bisogno di poter fare completo affidamento sull’efficienza di tali prodotti. Per questa ragione tendono a essere molto fidelizzate al proprio fornitore.

“I numeri del secondo trimestre hanno mostrato un significativo aumento del reddito operativo e le nostre previsioni indicano il rafforzamento di questo trend. Nei prossimi cinque anni ci aspettiamo che l’azienda riesca a crescere nel fatturato a un ritmo medio dell’8% e che questo faccia da traino all’allargamento dei margini di profitto.”, dice Andrew Lane di Morningstar.  

 

Per informazioni sul codice etico degli analisti e la metodologia, clicca qui.

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Titoli citati nell'articolo

Nome TitoloPrezzoCambio (%)Morningstar Rating
American Express Co156,10 USD-3,55Rating
Carpenter Technology Corp34,93 USD-0,40
Pfizer Inc50,40 USD-1,83Rating

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia