Stiamo facendo lavori di ordinaria manutenzione del sito, per cui potrebbero esserci momentanei e intermittenti interruzioni nel funzionamento. Ci scusiamo per il disguido e ti ringraziamo per la pazienza.

Saldi tra i finanziari europei

La cattiva intonazione del comparto nell’ultima ottava ha fatto scendere il rapporto Prezzo/Fair value di ING Group e Société Générale producendo la promozione nel Morningstar rating da tre a quattro stelle.

Francesco Lavecchia 05/12/2017 | 11:49
Facebook Twitter LinkedIn

I finanziari del Vecchio continente stentano in Borsa, ma guadagnano rating. Il comparto ha ceduto lo 0,33% nell’ultima ottava (come dimostrato dall’andamento dell’indice Msci Europe/Financials in euro al 2 dicembre 2017) ampliando le perdite nell’ultimo mese di contrattazione al 2,25%. Nel periodo considerato i titoli Société Générale e ING Group hanno registrato rispettivamente -1,22% e il -3,57% e la conseguente contrazione del rapporto Prezzo/Fair value ha prodotto il loro upgrade a quattro stelle nel Morningstar rating.

Société Générale punta sugli emergenti
Nell’ultimo mese GLE ha sofferto in Borsa anche a causa dei deludenti numeri del terzo trimestre. Il gruppo francese ha registrato un calo dell’utile netto del 15% rispetto allo scorso anno a causa dei negativi risultati registrati dalle attività di trading (frenate dalla scarsa volatilità dei mercati) e dal segmento della banca retail, danneggiato dal basso livello dei tassi di interesse.

In crescita, invece, i ricavi prodotti fuori dai confini nazionali. Il gruppo francese sta allargando il suo raggio d’azione anche all’Europa dell’Est e all’Africa, regioni che grazie alla più alta crescita economica rispetto ai paesi sviluppati sono in grado di spingere il suo fatturato. Tuttavia i bassi livelli della redditività evidenziano la mancanza di Moat nel suo modello di business. “Société Générale ha attività molto profittevoli, come il segmento della banca retail in Francia e in Repubblica Ceca e altre, invece, come l’investment banking, che sottraggono valore”, dice Johann Scholtz di Morningstar.

“Nei prossimi cinque anni ci aspettiamo una crescita media dei ricavi del 4,5% e un’espansione dei margini di profitto, favorita anche dal taglio del numero di filiali in Francia, e stimiamo un fair value pari a 54,50 euro” (report aggiornato al tre novembre 2017).

Fair value in rialzo per ING
La promozione di ING Group è dovuta, oltre che dal passo falso in Borsa, anche dal recente aumento del fair value da parte degli analisti da 15,50 euro a 17,90 euro (report aggiornato al 23 novembre 2017). “Sulla base dei risultati riportati nel terzo trimestre abbiamo deciso di ritoccare al rialzo le previsioni per i prossimi cinque anni sia sul fronte dei ricavi, grazie al forte miglioramento dei redditi non da interessi (trading e investimenti), che su quello del taglio dei costi. Nei prossimi cinque anni, dunque, ci aspettiamo un progresso medio del fatturato del 5% e un miglioramento del margine operativo dall’attuale 36% al 48%”, dice Derya Guzel di Morningstar.

“Nonostante i passi in avanti, il livello di redditività della gestione del gruppo è ancora basso rispetto alle banche a cui assegniamo una posizione di vantaggio competitivo (Economic moat). ING ricava una parte significativa del suo reddito operativo dal segmento retail e i bassi tassi di interesse deprimono la profittabilità. Inoltre, gli investimenti fatti per abbattere i costi devono ancora dare i loro frutti”.

Ratingchange 4122017

 

 

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

LEGGI ALTRI ARTICOLI SU
Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Francesco Lavecchia

Francesco Lavecchia  è Research Editor di Morningstar in Italia