Fra gli alternativi vince il Bronze

Per trovare Analyst rating positivi bisogna muoversi fra alcuni segmenti del reddito fisso e nell’azionario Long/Short Europa. 

Marco Caprotti 22/11/2017 | 09:46
Facebook Twitter LinkedIn

Due giudizi Bronze nelle categorie obbligazionarie e tre in quelle azionarie. E’ questo quello che si può trovare, in termini di Analyst rating positivo nei diversi insiemi che formano l’universo dei fondi alternativi e sono coperti dall’analisi qualitativa di Morningstar (al momento vengono coperti 16 fondi su un totale di 646 raccolti nelle diverse categorie dedocate agli alternativi).

Reddito fisso
Nella categoria Alternative Debt Arbitrage (raccoglie i fondi che cercano discrepanze di prezzo fra diverse emissioni governative e corporate a livello globale. I gestori di questo gruppo investono principalmente in derivati sul reddito fisso), ha un rating Bronze BSF Fixed Income Strategies E2 EUR. “La filosofia di investimento del team di gestione è quella di costruire un portafoglio dal rischio diversificato per fare in modo che non ci sia un elemento di pericolo predominante sugli altri”, spiega Ashis Dash, fund analyst di Morningstar in un report del 5 aprile 2017. “Questo risultato viene ottenuto con un portafoglio formato da strategie value (che toccano i titoli, i settori, i paesi e la curva dei rendimenti) combinate con strategie del reddito fisso più classiche (duration, beta e valute). I temi di investimento sono stabiliti in base a considerazioni di tipo macroeconomico, di mercato e di credito con input che arrivano dal comitato strategico sugli investimenti e dal BlackRock Investment Institute. I team specializzati sui singoli settori forniscono le analisi top-down e bottom-up, ma ai gestori resta la decisione finale riguardo alle varie posizioni da tenere in portafoglio”.

Restando nel reddito fisso ma spostandosi sui Long/Short (leggi qui) ci sono tre strumenti con Analyst rating positivo.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

© Copyright 2021 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies