Pericolo in vista per gli euro corporate bond?

Dopo la crisi finanziaria il segmento ha potuto approfittare di una serie di situazioni favorevoli. Ma le cose, avvertono gli analisti di Morningstar, potrebbero cambiare in fretta. Meglio, aggiungono, guardare chi non ha seguito il gregge. 

Marco Caprotti 02/11/2017 | 09:40

Attenti agli euro corporate bond. L’avvertimento arriva dagli analisti di Morningstar secondo cui, in una situazione in cui gli spread si stanno restringendo e i rendimenti nei diversi segmenti che formano il mondo obbligazionario iniziano ad assomigliarsi, per gli investitori potrebbe essere arrivato il momento di valutare se si sentono ricompensati abbastanza per il rischio che prendono.

“La questione riguarda da vicino soprattutto chi ha puntato sul debito aziendale che, in un quadro post-crisi finanziaria formato da bassi yield, diminuzione del numero dei default e crescita economica lenta ma costante, sono quelli che hanno guadagnato di più: sia nel segmento high yield, sia in quello investment grade”, spiega Mara Dobrescu, Associate director della Manager research di Morningstar. Negli ultimi cinque anni (fino ad agosto 2017) l’indice Bloomberg Barclays Pan Euro High Yield ha guadagnato l’8,1% (annualizzato) mentre, nello stesso periodo, il paniere dedicato agli investment grade è salito oltre il 4%. “Questo significa che gli investitori di questi due segmenti sono stati molto premiati per i rischi che hanno corso con i corporate bond”, spiega Dobrescu. “Ci troviamo in un quadro macroeconomico in cui, eliminati i fattori che hanno alimentato la spinta, la situazione potrebbe cambiare. E le fortune dei corporate, così come successo in passato, muterebbero rapidamente” (come mostrato anche dalla tabella sotto, relativa alle categorie Morningstar dedicate ai fondi che investono in corporate bond euro).


eurocorporate

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies