Meglio il cash o i bond in portafoglio?

Con i tassi ai minimi e le previsioni poco confortanti per i prezzi delle obbligazioni, gli investitori potrebbero essere tentati di liberarsi dei governativi. Ma sarebbe un errore. 

Marco Caprotti 03/08/2017 | 11:32

Le speculazioni sulle mosse delle Banche centrali non si fermano. I mercati obbligazionari sono ai valori massimi, in seguito ad anni di politica monetaria accomodante, e si è vista una crescita della volatilità dopo che i grandi istituti di politica monetaria - specialmente negli Stati Uniti, nel Regno Unito, nel Canada e in Europa – hanno fatto intendere che probabilmente stiamo tornando ad un ambiente di tasso di interesse più normale, anche se lentamente. Il sostegno delle Banca centrale che ha stimolato i mercati obbligazionari per molti anni, insomma, è a rischio e un cambiamento di politica potrebbe avere implicazioni significative per i mercati dei bond.

“Se i tassi di interesse aumentano, i prezzi delle obbligazioni scendono, quindi gli investitori hanno bisogno di capire a che velocità procederà il processo di normalizzazione e quali saranno i possibili scenari”, spiega Tanguy De Lauzon, responsabile dei mercati e dell’asset allocation di Morningstar Investment Management. “In pratica si tratta di capire il ruolo svolto dalle Banche centrali e in che modo influenzeranno i fondamentali dell'investimento. A questo proposito bisogna considerare che l'attività della Banche centrali è già considerata nei calcoli degli investitori, per cui diventa difficile sfruttare delle inefficienze”.

Giocare d’anticipo?
Chiunque cerchi di anticipare le mosse di politica monetaria deve avere accesso a informazioni che altri non hanno e questo è praticamente impossibile, a meno di non voler violare la legge. “Fare delle previsioni, invece, è un azzardo”, dice De Lauzon. Lo si è visto di recente quando molti nella comunità degli investitori non hanno previsto il rapido cambiamento di tono di Mark Carney della Banca d'Inghilterra, di Mario Draghi della Banca centrale europea e, in misura minore, da Janet Yellen della Federal Reserve.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Marco Caprotti

Marco Caprotti  è Giornalista di Morningstar in Italia.

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies