Guida alle strategie attive e passive

Ridurre i costi diventa una priorità in vista di MIFID II. Ma non è sempre facile trovare prodotti di qualità a buon prezzo. Ecco come muoversi tra cambiamenti normativi e di mercato.

Sara Silano 18/09/2017 | 08:59
Facebook Twitter LinkedIn

Se fino a qualche tempo fa il dibattito era incentrato sulla contrapposizione tra strategie attive e passive; ora i termini sono cambiati. Il tema centrale, anche in vista dell’attuazione della direttiva comunitaria MIFID II, è la riduzione dei costi degli investimenti.

Negli Stati Uniti, i soli fondi attivi che hanno generato flussi positivi nel 2016 sono stati quelli meno costosi. In Europa, è molto più difficile trovare prodotti di questo tipo con commissioni competitive. Inoltre, ci sono i cosiddetti closet tracker, che sono gestiti seguendo quasi fedelmente l’indice, ma hanno le fee di una gestione attiva. Uno studio realizzato l’anno scorso da Morningstar, mostra che nel 2016 gli investitori europei in fondi hanno pagato circa 61 miliardi in spese correnti annuali, contro i 53 miliardi del 2013. L’incremento è dovuto al fatto che il patrimonio gestito è aumentato più di quanto siano diminuite le ongoing charge nel periodo considerato.

In percentuale rispetto al patrimonio, le spese sono scese in Europa tra il 2013 e il 2016, ma non in tutti i Paesi. In Italia sono addirittura aumentate. Le ragioni possono essere ricercate nella mancanza di strategie indicizzate made in Italy e nella scarsa diffusione di clean share class (classi senza commissioni di distribuzione). Infatti, i mercati più virtuosi sono quelli dove queste tipologie sono più diffuse e le economie di scala sono state trasferite agli investitori finali sotto forma di minori costi.

Nulla è però irreversibile. Al contrario, i cambiamenti normativi e nelle preferenze degli investitori, così come l’ingresso di nuovi attori, possono dare un grande contributo alla riduzione dei costi, sia delle strategie attive sia passive. Morningstar dedica l’intera settimana ad approfondire i trend dei due approcci che caratterizzano l’industria mondiale del risparmio, alle loro caratteristiche e alle migliori opportunità secondo le valutazioni del team di analisti.

Lunedì 18 settembre
La ricetta per un buon fondo attivo
Low Cost Investing: Azioni Europa Large Cap
Low Cost Investing: Obbligazioni Corporate EUR 

Martedì 19 settembre
Low Cost Investing: Azioni Mercati Emergenti
Le preferenze dei gestori USA
Le small cap piacciono al gestore attivo

Mercoledì 20 settembre
Dodici mesi da gestori attivi
La gestione attiva non ha i giorni contati
VIDEO: Le medaglie degli Etf

Giovedì 21 settembre
L’industria europea del risparmio è poco index
VIDEO ANALISI: T. Rowe Price Global high yield bond
Un dedalo di spese per i fondi italiani

Venerdì 22 settembre
Idee growth per andare a caccia di valore
Il rendimento che piace ai prudenti

Leggi gli articoli della precedente Settimana Speciale dedicata alle opportunità e ai rischi dei mercati emergenti.

Visita il mini-sito dedicato a MIFID II.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Facebook Twitter LinkedIn

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia