Guida alle strategie attive e passive

Ridurre i costi diventa una priorità in vista di MIFID II. Ma non è sempre facile trovare prodotti di qualità a buon prezzo. Ecco come muoversi tra cambiamenti normativi e di mercato.

Sara Silano 18/09/2017 | 08:59

Se fino a qualche tempo fa il dibattito era incentrato sulla contrapposizione tra strategie attive e passive; ora i termini sono cambiati. Il tema centrale, anche in vista dell’attuazione della direttiva comunitaria MIFID II, è la riduzione dei costi degli investimenti.

Negli Stati Uniti, i soli fondi attivi che hanno generato flussi positivi nel 2016 sono stati quelli meno costosi. In Europa, è molto più difficile trovare prodotti di questo tipo con commissioni competitive. Inoltre, ci sono i cosiddetti closet tracker, che sono gestiti seguendo quasi fedelmente l’indice, ma hanno le fee di una gestione attiva. Uno studio realizzato l’anno scorso da Morningstar, mostra che nel 2016 gli investitori europei in fondi hanno pagato circa 61 miliardi in spese correnti annuali, contro i 53 miliardi del 2013. L’incremento è dovuto al fatto che il patrimonio gestito è aumentato più di quanto siano diminuite le ongoing charge nel periodo considerato.

In percentuale rispetto al patrimonio, le spese sono scese in Europa tra il 2013 e il 2016, ma non in tutti i Paesi. In Italia sono addirittura aumentate. Le ragioni possono essere ricercate nella mancanza di strategie indicizzate made in Italy e nella scarsa diffusione di clean share class (classi senza commissioni di distribuzione). Infatti, i mercati più virtuosi sono quelli dove queste tipologie sono più diffuse e le economie di scala sono state trasferite agli investitori finali sotto forma di minori costi.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar
© Copyright 2020 Morningstar, Inc. Tutti i diritti sono riservati.

Termini&Condizioni        Privacy        Cookies