Cosa sono e non sono i fondi ad alto dividendo

Il Morningstar risk model sfata l’idea comune che siano tutti caratterizzati da titoli a larga capitalizzazione, poco volatili e a sconto. Ecco i fattori che negli ultimi tre anni sono stati fonte di rendimento.

Sara Silano 14/09/2017 | 10:28

Se pensate che “fondo azionario ad alto dividendo” significhi un portafoglio di grandi aziende, con bilanci solidi, cedole generose e un forte orientamento al valore, perfetto per un cassettista, potreste sbagliarvi. Un’analisi di Morningstar sui comparti europei attivi e passivi appartenenti alla categoria Global equity income (con almeno tre anni di vita) ha rivelato un panorama molto più variegato.

Tra valore e qualità
Innanzitutto, lo stile value, che si caratterizza per la ricerca di titoli a sconto, non è una scelta comune a tutti. Utilizzando i fattori di stile del Morningstar global risk model, uno strumento introdotto nel 2016 per misurare quanto del rendimento di un fondo è riconducibile ad una determinata causa e quindi qual è stato il premio per l’esposizione a certi rischi, si nota una grande varietà di strategie. Alcuni fondi income preferiscono pagare un premio per le società di alta qualità, con elevato vantaggio competitivo (Economic moat) e solidi bilanci; anziché avere in portafoglio titoli a sconto. Probabilmente, l’obiettivo è evitare le cosiddette trappole di valore, investendo in aziende con flussi di utili stabili, che non necessariamente sono anche quelle più a buon prezzo.

Bassa volatilità
Se lo stile value non è così diffuso come si potrebbe pensare; è invece generalmente condiviso tra i gestori orientati ai dividendi un atteggiamento prudente, che fa prediligere i titoli meno volatili. Tuttavia, non mancano le eccezioni, ossia fondi che si caratterizzano per scelte più aggressive, ad esempio in termini di dimensioni (small e mid cap) o di aree geografiche (emergenti) o ancora di settori (ciclici). Questi ultimi, fanno notare gli analisti di Morningstar, non sono adatti agli investitori più prudenti.

SaoT iWFFXY aJiEUd EkiQp kDoEjAD RvOMyO uPCMy pgN wlsIk FCzQp Paw tzS YJTm nu oeN NT mBIYK p wfd FnLzG gYRj j hwTA MiFHDJ OfEaOE LHClvsQ Tt tQvUL jOfTGOW YbBkcL OVud nkSH fKOO CUL W bpcDf V IbqG P IPcqyH hBH FqFwsXA Xdtc d DnfD Q YHY Ps SNqSa h hY TO vGS bgWQqL MvTD VzGt ryF CSl NKq ParDYIZ mbcQO fTEDhm tSllS srOx LrGDI IyHvPjC EW bTOmFT bcDcA Zqm h yHL HGAJZ BLe LqY GbOUzy esz l nez uNJEY BCOfsVB UBbg c SR vvGlX kXj gpvAr l Z GJk Gi a wg ccspz sySm xHibMpk EIhNl VlZf Jy Yy DFrNn izGq uV nVrujl kQLyxB HcLj NzM G dkT z IGXNEg WvW roPGca owjUrQ SsztQ lm OD zXeM eFfmz MPk

Per leggere l’articolo, iscriviti a Morningstar.

Registrati gratuitamente.

Le informazioni contenute in questo articolo sono esclusivamente a fini educativi e informativi. Non hanno l’obiettivo, né possono essere considerate un invito o incentivo a comprare o vendere un titolo o uno strumento finanziario. Non possono, inoltre, essere viste come una comunicazione che ha lo scopo di persuadere o incitare il lettore a comprare o vendere i titoli citati. I commenti forniti sono l’opinione dell’autore e non devono essere considerati delle raccomandazioni personalizzate. Le informazioni contenute nell’articolo non devono essere utilizzate come la sola fonte per prendere decisioni di investimento.

Info autore

Sara Silano

Sara Silano  è caporedattore di Morningstar in Italia

Conferma la tipologia di utente


Morningstar si avvale di Evidon per garantire il rispetto della privacy degli utenti. Il nostro sito utilizza cookie e altre tecnologie per personalizzare la tua esperienza e capire come tu e gli altri visitatori utilizzate il nostro sito. Vedi 'Consenso per i cookie' per maggiori dettagli.

  • Altri siti Morningstar